Osvaldo e Matri, il mercato balla sulle punte, l'Inter pensa a Rhodolfo ma aspetta Cassano. "Tata" Gonzalez a un passo dal Torino

Sabato 31 Gennaio 2015 di Salvatore Riggio
Sarà il weekend degli attaccanti. Il ballo delle punte pronte a cambiare squadra negli ultimi due giorni e mezzo di mercato. Osvaldo, Pazzini e Matri: destini incrociati.



L’italo-argentino vuole la Juventus e c’è da capire se l’Inter darà risposta affermativa alle richieste di Beppe Marotta. Le alternative sono i centravanti di Milan e Genoa. E Pazzini piace anche al Torino. Ma c’è anche da piazzare Cassano: l’Inter si è fatta avanti. Adesso tocca all’ex giocatore del Parma dare una risposta positiva.



I nerazzurri devono chiudere per un difensore (Rhodolfo o Vido) e un centrocampista, cercando di piazzare Kuzmanovic all’estero. In casa Milan si complica l’affare Antonelli. Si tratta ad oltranza. Armero non vuole partire e ha rifiutato il prestito al Genoa.



La Fiorentina aspetta Salah e lavora per un difensore. In uscita c’è Ilicic, ma se lo sloveno non accetta Bologna rischia di rimanere ai margini del progetto viola.



L’Udinese ha preso Perica (attaccante classe 1995) in prestito dal Chelsea, il Palermo ha ufficializzato Ortiz, difensore centrale, che sbarca dal Cerro Porteno in prestito con diritto di riscatto. Il suo arrivo spinge Munoz al Milan, ma Maurizio Zamparini chiede 1,5 milioni di euro per liberarlo e Adriano Galliani non ci sta. La Sampdoria ha ufficializzato Duncan dall’Inter: il giocatore ha firmato fino al 2019. Rafa Benitez ha dichiarato di non avere ricevuto offerte da altre squadre. Deciderà il suo futuro a marzo.



È Alvaro Gonzalez il nuovo rinforzo per il Torino. Manca ancora l'annuncio ufficiale, ma è praticamente definito l'arrivo in granata dalla Lazio del centrocampista uruguaiano. La formula è quella del prestito con diritto di riscatto. In questa stagione il nazionale ha collezionato appena 4 presenze e 236 minuti con la maglia biancoceleste. Ultimo aggiornamento: 22:11


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare da soli? “Un sacco bello”. Anche senza andare in Polonia

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma