Zaniolo fa impazzire la Roma e l'Italia. A Palermo c'era lo United a vederlo

Zaniolo fa impazzire la Roma e l'Italia. A Palermo c'era lo United a vederlo
di Ugo Trani
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Novembre 2019, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 22:51

Il viaggio a Palermo è stato tutt’altro che a vuoto. Nel calcio, chi va a seguire uno o più giocatori, spesso se ne torna a casa senza essere pienamente soddisfatto. L’emissario dello United, invece, ha fatto l’en plein, raccogliendo le informazioni utili per il futuro mercato del Manchester. Lunedì sera l’osservatore del club inglese si è presentato allo stadio Renzo Barbera per pesare la prestazione di Zaniolo dal vivo. E quella di Tonali. Il blitz è andato a buon fine, anche perché i due giovani azzurri, classe 1999 il giallorosso e 2000 il bresciano, sono rimasti in campo dall’inizio alla fine. Verifica a 360 gradi, dunque, sul comportamento in campo internazionale di Nicolò da Massa e di Sandro da Lodi, di fatto ex Under 21. Hanno giocato insieme da titolari, in perpendicolare nella catena di destra nel 1° tempo della gara con l’Armenia, braccio e mente fino all’intervallo. Nella ripresa, invece, si sono allineati, incursore alla Barella il romanista, sempre aiuto regista l’altro. Tatticamente, insomma, la risposta è stata esauriente. Così come tecnicamente, con le 2 reti e l’assist del romanista per Immobile.

PREZZO IN AUMENTO
La missione dell’emissario, comunque, ha avuto come principale riferimento Zaniolo. Lo United, attualmente in contatto con il management di Pallotta per stabilire la cifra dell’eventuale riscatto di Smalling a fine stagione, segue Nicolò già dall’inizio del 2019. Il talento giallorosso è finito nel mirino del Manchester dopo l’exploit in Champions: doppietta contro il Porto il 12 febbraio all’Olimpico nella gara d’andata degli ottavi. L’intenzione del club inglese è di forzare i tempi perché si rende contro che il valore del cartellino lievita di partita in partita. Meglio provarci subito, quanto meno strappando un’opzione ai dirigenti della Roma che stanno appunto trattando l’acquisto definitivo del difensore centrale arrivato dalla Premier. Proprio in questi giorni l’International Center of Sport Studies (Cies) ha evidenziato come la quotazione di Zaniolo sia cresciuta da qualche settimana, salendo a circa 80 milioni (78,9). L’ultimo aggiornamento è di lunedì 4 novembre, subito dopo il 4° gol consecutivo dei primi 5 stagionali (ora è a 7), realizzato il 2 novembre all’Olimpico contro il Napoli. La doppietta in azzurro è il nuovo step del giocatore che, davanti all’osservatore, ha messo in mostra il meglio del suo repertorio: qualità, finalizzazione, pressing e agonismo. Presenza fisica e tecnica, per intendersi. Al capitano Florenzi, in panchina al Barbera, ha dedicato in campo l’abbraccio dopo il 1° gol e su Instagram la foto che inquadra quel gesto affettuoso a fine partita con un semplice «Ti voglio bene». Il 4 settembre del 2004, sempre a Palermo, De Rossi debuttò facendo centro contro la Norvegia. Daniele, fino a lunedì sera, è stato il romanista più giovane a segnare in Nazionale. Adesso è Nicolò: 20 anni e 139 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA