Zaniolo, la bella “svista” che fa felice la Roma

Mercoledì 5 Dicembre 2018 di Stefano Carina
4
Ci sono tante persone che ogni mattina si svegliano e dicono: «Da oggi cambio vita». C'è poi chi, come Nicolò Zaniolo, vede la sua vita cambiare all'improvviso, in modo così imprevedibile e radicale da rischiare qualche giramento di testa. Perché se il passaggio dalla Primavera dell'Inter alla convocazione in Nazionale o al debutto in maglia giallorossa in Champions al Bernabeu contro il Real Madrid già di per sé è una favola, sorprende ancora di più che un paio di anni fa questa fiaba avesse le sembianze di un incubo. Estate 2016, ultimo giorno di mercato: Zaniolo fa parte delle giovanili della Fiorentina. È arrivato ormai alle porte della Primavera viola ma viene convocato in sede e gli viene detto a bruciapelo che non rientra più nei piani del club. A Firenze s'è insediato da poco il nuovo ds Corvino e Nicolò, dopo 9 anni nei quali ha svolto tutta la trafila delle giovanili, viene liquidato in modo brutale. Da fuori arriveranno nuovi calciatori, è la motivazione che gli viene fornita e lui deve fare le valigie. Gli prospettano un prestito ma Zanna bianca', il soprannome che si portava dietro dagli Allievi, decide di ripartire da zero.

UN MINUTO PER RICOMINCIARE
O meglio, da Chiavari. Ogni giorno fa su e giù con il pulmino che lo porta al campo di allenamento del club ligure. Milita nella Primavera e alla prima stagione segna 7 gol, guadagnandosi la convocazione in Under 18. Poi, quella fortuna che gli aveva voltato le spalle un anno prima, stavolta si fa perdonare: il suo allenatore, Gianpaolo Castorina, viene promosso in prima squadra. Zaniolo, tra i fedelissimi del tecnico, debutta così in serie B a soli 16 anni sul campo del Benevento. Entra in pieno recupero ma quel minuto in campo dura un'eternità. E rappresenta la svolta, quella con S maiuscola. Inizia infatti a fare la spola con la prima squadra e a fine stagione accumula 7 presenze, abbastanza per convincere l'Inter a scommettere (2 milioni il costo del cartellino) su di lui. Nella Primavera nerazzurra il classe 99 continua il suo percorso di crescita: 28 presenze totali, 14 reti e 9 assist. Il resto, è storia recente, tanto da far apparire il passato lontanissimo. Ancora una volta, però, il fato gli viene in soccorso. Perché il percorso di Zaniolo (che intanto si classifica secondo con l'Under 19 agli Europei) poteva ricalcare quello di tanti altri talenti dei settori giovanili, inseriti per questioni di bilancio in trattative per giocatori più affermati, e poi destinati a fare esperienza in prestito. Con chissà quali esiti. Invece questa possibilità sfuma l'ultimo giorno del recente mercato estivo. La Roma e Di Francesco, pur avendo capito le potenzialità di Nicolò, vogliono trovargli una squadra per farlo giocare con continuità. La miopia di mezza serie A, che se lo fa sfuggire, ora fa sorridere. Zaniolo rimane nella Capitale e dà il via alla sua favola personale. Chi lo conosce bene assicura che non c'è il rischio che si possa montare la testa. Un po' perché ha già assaporato cosa voglia dire la delusione.

AL VOLANTE SOLO IN CAMPO
Ma soprattutto perché ha la fortuna di avere una famiglia presente che lo ha seguito a Roma (abitano nella zona dell'Eur). Oltre alla sorella minore Benedetta, alla quale è legatissimo, c'è il padre Igor, ex calciatore (ha giocato in B con il Cosenza, la Ternana, il Messina e la Salernitana prima di scendere in C e approdare al Genoa) che è già stato fondamentale nel momento in cui ha visto il figlio cadere, aiutandolo immediatamente a rialzarsi. E poi Mamma Francesca che invece, ogni giorno, lo accompagna con l'automobile a Trigoria. Perché dietro quel fisico da corazziere e sorriso gentile, si nasconde dopo tutto un ragazzo di appena 19 anni che ancora deve prendere la patente. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelle prime uscite dei figli e i genitori fantasmi della notte

di Raffaella Troili