Roma, Zalewski in corsia di sorpasso mette la freccia: Mourinho ritrova il jolly

`In campo 90’ con la Polonia, i problemi muscolari sono alle spalle

Roma, Zalewski in corsia di sorpasso mette la freccia: Mourinho ritrova il jolly
di Stefano Carina
4 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 07:51 - Ultimo aggiornamento: 16:10

L'omaggio più bello glielo ha regalato giocando. Un anno fa (il 24 settembre) Zalewski perdeva dopo una lunga e travagliata malattia, papà Christopher che non lo aveva mai visto giocare dal 1' con la nazionale polacca. Nicola lo ha celebrato domenica, partendo titolare (come era già accaduto contro l'Olanda qualche giorno prima) in una gara fondamentale contro il Galles, vinta 1-0 da Lewandowski e compagni che ha evitato (per ora) alla nazionale del ct Michniewicz la retrocessione nella Nations League. «Oggi mi ritrovo a vivere il nostro sogno a 360 gradi ma senza di te», il messaggio su Instagram. Un anno travagliato, coinciso però con l'esplosione in prima squadra da febbraio, la titolarità e la vittoria in Conference. E ora la Nazionale che lo porterà a vivere a 20 anni la fantastica esperienza del mondiale in Qatar.

Roma tra infortuni, mercato e calciatori simili: è a centrocampo il nodo da sciogliere


IN RAMPA DI LANCIO

Prima però c'è la Roma. La sua Roma. Nicola è nato a Tivoli e ora ha preso casa in zona Casal Palocco, a 500 metri dalla villa di Pellegrini. Sinora in stagione si è visto poco. Già in estate aveva riportato una distorsione alla caviglia che lo aveva costretto a lavorare a parte per qualche giorno. Poi, con l'inizio del campionato, ha dovuto fronteggiare una fastidiosa tonsillite che lo ha debilitato, costringendolo a prendere degli antibiotici. Dribblato l'inconveniente, ci si è messo il campo di Razgrad che gli ha causato, per un piede messo male, un problema all'adduttore sinistro. C'è mancato poco che si trattasse di una lesione. Fatto sta che Zalewski è stato costretto a saltare Empoli e Helsinki, rientrando nel finale contro l'Atalanta. I 90 minuti contro il Galles sono il miglior biglietto da visita in vista dell'Inter. Spinazzola non è al meglio, Mou ci pensa. Ma se non sarà a Milano, il rientro in pianta stabile è comunque dietro l'angolo. Le 12 gare in 44 giorni che attendono la Roma (in media una ogni 3 giorni e mezzo) sono troppe per non rivedere Nicola di nuovo protagonista. Soprattutto ora che Karsdorp è ai box (ne avrà per almeno un mese dopo la lesione al menisco esterno) e Spinazzola ammette di non essere al meglio. Nicola è il jolly di José. S'è riscoperto laterale a sinistra dopo anni nelle giovanili spesi come trequartista.

Roma, Dybala ci crede: «Cresceremo, tornare protagonista mi ha aiutato. Arriveranno grandi cose»


A DESTRA
E attenzione, perché prima o poi, anche quest'anno lo vedremo a destra. Nella passata stagione ci giocò dal 1' soltanto nell'ultima giornata contro il Torino. Ora, con il solo Celik a presidiare la corsia dell'olandese, è quasi naturale attenderselo. Come il rinnovo di contratto. L'attuale scade nel 2025 ma Nicola rischia di andare al mondiale con l'accordo di un baby della Primavera. Non arriva a 500mila euro, numeri che in estate hanno già avvicinato un paio di club inglesi e il Borussia Dortmund. José ha bisogno di lui. Sinora proprio il gioco sugli esterni è stato uno dei problemi della Roma. Un paradosso, considerando come il tecnico più volte abbia incensato il reparto in termini di numeri e qualità («In alcuni ruoli siamo scoperti ma sugli esterni ci sono 4 giocatori bravi che posso alternare»). È soltanto questione di tempo. Zalewski finalmente sta bene. Il resto verrà di conseguenza.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA