Wanda Nara: «Se Mauro me lo chiedesse smetterei di fare l'agente»

Venerdì 7 Giugno 2019
Wanda Nara: «Se Mauro me lo chiedesse smetterei di fare l'agente»

«Se un giorno mi chiedesse di rinunciare a fare l'agente, lo farei. Essere sua moglie e sua agente non dice necessariamente molto su di me, ma molto di più su Mauro che ha avuto il coraggio, a dir poco, di scegliermi». Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, si racconta in un'intervista all'Equipe realizzata a maggio e pubblicata oggi. Il ruolo di procuratrice del marito è delicato e sembra abbia contribuito a compromettere il rapporto con l'Inter, tanto che si parla di un addio imminente dopo che gli è stata tolta la fascia di capitano. Ma fu Icardi a chiedere a Wanda di diventare la sua agente: «Mi ha chiesto consigli spesso per le sue decisioni e poi mi ha detto continua a fare tu, è nato tutto così. Io non ho mai avuto un manager nel mio lavoro, ho negoziato i miei contratti da sola. Dopo il liceo, ho studiato giurisprudenza e gestione aziendale e ho continuato a farlo durante le mie gravidanze. Essendo la moglie di Mauro, non ho alcun interesse a fare soldi sulle sue spalle, a differenza di altri. Tanto è vero che mi è capitato di soprassedere sulla mia commissione. Potrei stare tranquillamente a casa senza fare niente, ma non sarebbe un buon esempio per i miei figli. E poi, la scelta finale resta di Mauro. Ma che io sia consulente o meno, Mauro resta uno dei migliori attaccanti al mondo».

Ultimo aggiornamento: 21:31


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma