Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Valencia prenota un posto nella fase a gironi, il Maccabi fa sperare la Roma

Il Valencia prenota un posto nella fase a gironi, il Maccabi fa sperare la Roma
di Benedetto Saccà
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Agosto 2015, 22:49 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 12:41
La seconda giornata delle partite di andata dei playoff della Champions League l’ha magnetizzata il Valencia, sicuro nel saltare l’ostacolo del Monaco. Al Mestalla la sfida tra i tecnici portoghesi, Nuno Espirito Santo e Leonardo Jardim, si è assestata sul punteggio di 3-1: hanno deciso i gol di Rodrigo, di Parejo e di Feghouli, giunti a cavallo della rete di Pasalic.

Fra i monegaschi, Raggi titolare e ammonito, ed El Shaarawy subentrato a Silva dopo 78’. Con un risultato simile, un intenso 3-2, il Celtic ha piegato il Malmoe in casa: a risolvere sono stati Griffiths con una doppietta e Bitton. Di gran valore, comunque, la doppietta di Berget.

In Svizzera il Basilea ha saputo soltanto pareggiare davanti al Maccabi Tel Aviv (2-2): anzi, gli elvetici sono riusciti nell’acrobazia di subire il gol di Zahavi alla mezzora; di andare a bersaglio, via via, con Delgado e con Embolo; infine di incassare il pari, ancora di Zahavi, addirittura al 96’. Proprio la doppietta dell'israeliano Zahavi fa sperare la Roma: i giallorossi infatti eviteranno la quarta fascia nell'urna solo se una tra Manchester United, Valencia, Shakhtar e Basilea non si qualificasse per la fase a gironi.

Una rete di Marlos, invece, ha regalato il successo esterno allo Shakhtar Donetsk sul Rapid Vienna (0-1). Non è stato però l’unico successo in trasferta dell’intero quadro delle gare di andata.

Perché, proprio al 93’, i croati della Dinamo Zagabria hanno indovinato la strada esatta per piegare gli albanesi dello Skenderbeu (1-2): Shkembi ha aperto il conto, Soudani ha riportato l’equilibrio, poi ad archiviare la pratica ha provveduto Pivaric. Martedì e mercoledì prossimi, le partite di ritorno, compresa quella legata alla Lazio. Giovedì 27, a Montecarlo, la Uefa sorteggerà la composizione dei gironi.