Atalanta nella storia. Ilicic, poker da impazzire: Valencia ko 4-3

Martedì 10 Marzo 2020 di Salvatore Riggio​

Un altro capitolo meraviglioso di questa cavalcata in Champions. Alla sua prima esperienza nella massima competizione continentale, l’Atalanta elimina il Valencia, dopo il 3-4 conquistato nel deserto del Mestalla (4-1 a San Siro), e vola ai quarti di finale, tra le migliori otto in Europa. Il capolavoro, l’ennesimo di questa squadra che dà gioia e speranza al nostro paese, avvolto nell’emergenza angosciante del coronavirus, porta la firma di Ilicic. Un giocatore straordinario capace di segnare tutte e quattro le reti della Dea, i primi due su rigore. Il suo sogno è quello di vestire la maglia di una grande squadra, ma con lui l’Atalanta è ora nei top club europei. Non è più una sorpresa, non è più una favola, ma una certezza del nostro calcio, guidata da un allenatore come Gian Piero Gasperini che cura i dettagli e non si tira mai indietro contro qualsiasi avversario. Ne sa qualcosa il Valencia, che prova a realizzare una remuntada impossibile con la doppietta di Gameiro e il pallonetto di Ferran Torres, ma alla fine anche gli spagnoli si devono arrendere davanti alla maestosità dell’Atalanta, uno spot per il calcio italiano. Da segnalare l’assembramento fuori dal Mestalla, in barba a ogni tipo di divieto, dei tifosi del Valencia. 
LEGGI LA CRONACA

LE FORMAZIONI:
VALENCIA:
 (4-4-2) Cillessen; Wass, Diakhaby, Coquelin, Gaya; Ferran, Parejo, Kondogbia, Cheryshev; Rodrigo, Gameiro All. Celades.
ATALANTA: (3-4-2-1) Sportiello, Caldara, Palomino, Djimsiti, Gosens, Hateboer, Freuler, De Roon, Pasalic, Ilicic, Papu Gomez. All. Gasperini.

Ultimo aggiornamento: 23:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani