Roma, Totti visita a sorpresa il Bambino Gesù: «Vi aiuterò a costruire il nuovo ospedale», l'emozione di Tommy

Giovedì 6 Dicembre 2018 di Gianluca Lengua
1
Totti e Tommy al Bambino Gesù

Sorprese a ripetizione nella emozionante visita all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma di Francesco Totti. L’ex capitano giallorosso si è intrattenuto con i bambini in ludoteca e poi ha visitato i reparti di Cardiologia, Medicina dello Sport e Anestesia e Rianimazione Cardiochirurgica. E proprio all'ingresso l'incontro con il suo tifoso più grande, Tommy, il ragazzo di 19 anni con la sindrome di Down della Borghesiana che nei mesi scorsi aveva espresso, quale suo desiderio più grande, proprio quello di incontrare l'asso giallorosso.

Racconta la madre Roberta: «E' restato a bocca aperta quando si è trovato di fronte al suo campione preferito. La sorpresa è stata totale. Totti è stato molto tenero e Tommy non dimenticherà mai questo giorno. Al fratello (più piccolo, come la sorella) ha mostrato subito l'autografo del capitano. Si immagini che mio figlio, che frequenta il liceo scientifico e che  a giugno affronterà la maturità, attendeva questo incontro da anni: si è innamorato della Roma e di Totti già alle elementari, nonostante in casa nostra ci sia più sostegno per il Napoli. Siamo stati anche a Trigoria, ma per un motivo o per l'altro, l'incontro non era mai avvenuto. Tommy, poi, nell'ottobre scorso  era restato molto colpito dai videoauguri che sia De Rossi sia Totti gli avevano mandato mentre era ricoverato al Bambino Gesù. 

LEGGI ANCHE: Tommy, il ragazzino down che sogna di incontrare Totti: il video dall'ospedale commuove il web
 
Gli avevano fatto un enorme piacere aumentando ancora la sua voglia di incontrare il capitano. La sua felicità oggi è incontenibile e ci ricambia delle situazioni non sempre facili che abbiamo attraversato. Non ce ne siamo mai lamentati e abbiamo tirato avanti anche perché in effetti già al Bambino Gesù ci sono situazioni molto più pesanti. Ma a ogni modo, pur fra numerosi passi in avanti nel rapportarsi con chi ha la sindrome di Down, c'è ancora molto da fare per evitare in particolare quella sorta di "compatimento" che per molti resta il primo modo di affrontare questi ragazzi. E c'era anche un'amica di Tommy fra le ragazze e i ragazzi che la settimana un ristoratore di Torino ha invitato a uscire dal suo ristorante. E' per questo che gesti come quello di Tottti sono così importanti».  

Totti ha incontrato la presidente dell’Ospedale, Mariella Enoc, e il direttore generale, Ruggero Parrotto, concludendo la visita con un impegno: «Mi ha fatto piacere stare qui oggi e passare un po’ di tempo con i bambini, con i genitori, gli infermieri e i medici. So che il prossimo anno il vostro ospedale compirà 150 anni di storia e so che avete grandi progetti per il futuro, in particolare l’ampliamento della sede di Palidoro e una nuova sede a Villa Pamphilj. Mi piacerebbe far parte di questa storia e mi sento di sostenere e contribuire alla realizzazione del nuovo Ospedale e continuare ad aiutare i bambini di Roma e di tutto il mondo che vengono a curarsi da voi».
 

 

 
La presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc, ha ringraziato Francesco Totti: «Sei un riferimento per tanti bambini e ragazzi. I nostri pazienti e le loro famiglie ti vogliono bene. Mi auguro che il tuo gesto possa essere di esempio e che la Comunità del Bambino Gesù possa contare sull’aiuto di persone speciali come te».

 

Ultimo aggiornamento: 20:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelle prime uscite dei figli e i genitori fantasmi della notte

di Raffaella Troili