Torino-Wolverhampton, Mazzarri: «Arbitro portoghese? Domani dirò la mia». Espirito Santo: «Sarà una gara divertente»

Mercoledì 21 Agosto 2019
«Come ben sapete, da sempre, prima non parlo mai di arbitri. Dopo la partita vi dirò la mia». Così il tecnico del Torino Walter Mazzarri sulla designazione del portoghese Artur Soares Dias per l'andata contro il Wolverhampton imbottito di lusitani, 7 giocatori e l'intero staff tecnico. Mazzarri precisa: «Faccio sempre così: dopo una partita di calcio si fanno le valutazioni, sulla propria squadra, sugli avversari e, per ultimo, sugli arbitri».

Rispetto per il Torino, «squadra molto forte in tutti i reparti oltre che ben allenata», ma la consapevolezza che «sarà una partita divertente». Nuno Espirito Santo, tecnico portoghese del Wolverhampton, è consapevole della forza dei granata ma nutre fiducia in vista del doppio confronto che vale la promozione alla fase a gironi di Europa League: «Sarà difficile, ma stiamo preparando questo periodo intenso da diverse settimane». Una sfida che metterà di fronte le settime classificate di Premier League e Serie A, uno scontro tra due mondi agli antipodi, calcisticamente parlando: «La classifica dello scorso anno non conta, noi pensiamo giorno per giorno senza guardare troppo avanti». Difficile estorcere una dichiarazione al tecnico lusitano - «pensate veramente che vi dica come giocheremo?» -, che si accende quando il discorso cade sulla designazione dell'arbitro portoghese Artur Dias, lusitano come il tecnico e come sette calciatori dei Wolves: «La nostra lingua nativa non c'entra, siamo una squadra inglese e i nostri tifosi sono inglesi. Non parlo mai degli arbitri prima della partita, si rischia
Ultimo aggiornamento: 20:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma