Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Torino, tutto facile con lo Shakhtyor: cinquina per il Wolverhampton

Torino, tutto facile con lo Shakhtyor: cinquina per il Wolverhampton
di Alberto Mauro
2 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Agosto 2019, 23:28 - Ultimo aggiornamento: 9 Agosto, 10:37

Il Toro vola sulle ali del Gallo Belotti e ipoteca il passaggio del turno con un 5-0 al Grande Torino. Doppietta del capitano e altra vittoria in scioltezza per i granata già sintonizzati sul Wolverhampton. Dopo il Debrecen ecco lo Shakhtyor Soligorsk per il terzo turno di qualificazione ai gironi di Europa League. Altra partita senza storia contro un avversario decisamente più avanti a livello di condizione fisica ma lontano anni luce dalla qualità e dall’esperienza dei granata. Mazzarri disegna una squadra identica a quella in campo contro il Debrecen, mentalmente c’è la stessa fame e si nota dopo due minuti: punizione di Baselli e capocciata prepotente di Belotti, che dopo il battesimo del gol in Europa contro il Debrecen ci prende gusto e lancia i suoi verso il successo. Al 15’ il raddoppio di Izzo, ancora di testa ma su corner, i granata dominano fino a rilassarsi e concedono un’occasione d’oro a Rybak, praticamente a porta vuota. Mazzarri in avvio di ripresa è costretto a sostituire Izzo per un doppio problema al braccio e al quadricipite, unica nota dolente di una partita mai in discussione, mentre Belotti non sbaglia un colpo e piazza anche il rigore per il 3-0 ipotecando il passaggio del turno. Poker di De Silvestri al 71’, e cinquina di Bonifazi, sulla strada dei granata con ogni probabilità il Wolverhampton, decisamente più temibile dei bielorussi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA