Tifoso al calciatore: «Dov'è tua sorella», ma è morta di tumore nel 2008. Il club lo bandisce a vita dallo stadio

Venerdì 6 Settembre 2019
Tifoso al calciatore: «Dov'è tua sorella», ma è morta di tumore nel 2008. Il club lo bandisce a vita dallo stadio

Bandito a vita dallo stadio. Un tifoso dei Rangers, dopo aver assistito alla sconfitta della sua squadra nel derby di Glasgow con il Celtic, ha ben pensato di farsi "giustizia" da solo, andando ad insultare il capitano della formazione avversaria Scott Brown. Vedendo il calciatore uscire dallo stadio, il tifoso ha esclamato: «Dov'è tua sorella?». Il riferimento è a Fiona Brown, sorella di Scott, morta di cancro nel 2008 all'età di 21 anni.

LEGGI ANCHE Inter, Lukaku: «Uniamoci contro il razzismo» Il Cagliari: «Solidarietà, isoleremo gli ignoranti»


Di fronte all'insulto il capitano del Celtic è rimasto come pietrificato, quasi incredulo del fatto che qualcuno potesse rivolgergli certe parole. La sicurezza dello stadio ha poi provveduto ad allontanare lo scalmanato supporter dei Rangers. I fatti risalgono allo scorso 1 settembre, ma le immagini del brutto episodio - riprese con il cellulare da un altro tifoso lì presente - hanno cominciato a circolare nelle ultime ore, portando però la società dei Rangers a una drastica decisione. Il club scozzese, infatti, ha comunicato di aver individuato il responsabile della terribile offesa e di aver deciso di bandirlo dallo stadio per sempre. Una punizione esemplare, per un bruttissimo episodio che niente ha ache fare con il calcio e i suoi valori.


 

Ultimo aggiornamento: 20:42


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma