Ucraina-Inghilterra, tifosi inglesi all'Olimpico tra check point e controlli per il timore variante Delta

Ucraina-Inghilterra, tifosi inglesi all'Olimpico tra check point e controlli allo stadio
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Luglio 2021, 20:43 - Ultimo aggiornamento: 4 Luglio, 14:05

Cinque check point, controlli a tappeto davanti allo stadio e attenzione massima per i trasgressori. Così Roma e l'Olimpico hanno accolto i circa 1500 tifosi inglesi che hanno acquistato il biglietto per la partita tra Inghilterra e Ucraina. L'allerta era massima alla luce della variante Delta che continua a far salire i contagi in Gran Bretagna. I cancelli hanno aperto alle 18, ma qualche tifoso inglese era stato avvistato già stamattina nel centro della Capitale, altri invece alla stazione Termini. Ma sarebbero tutti già residenti in Italia oppure provenienti da altri Paesi d'Europa, che non necessitavano della quarantena di cinque giorni come invece per la Gran Bretagna. 

 

Paura variante Delta: i controlli nella Capitale 

Già dalle scorse ore controlli incrociati tra le liste degli arrivi dall'Inghilterra e l'Ucraina con quelle dei biglietti venduti. Erano alcune decine le posizioni al vaglio per accertare se fossero arrivati in tempo utile a osservare la quarantena. Roma si è blindata per la partita di stasera degli Europei. Le verifiche sono state effettuate negli alberghi e, qualora fosse accertato che il loro ingresso fosse avvenuto oltre il tempo utile per osservare quarantena, è stato intimato di non recarsi allo stadio, procedendo anche a invalidare il biglietto.

Ucraina-Inghilterra, i giornalisti inglesi a Roma nonostante i divieti: «Così abbiamo evitato la quarantena»

Attivati diverse ore prima del fischio di inizio i cinque check point a ridosso dello stadio per un controllo preliminale prima dei tornelli, finalizzato proprio a intercettare i tifosi non in regola e a riportarli presso le loro strutture alberghiere. Oltre mille gli agenti delle forze dell'ordine in campo oggi in occasione del match. Sono 13mila i biglietti venduti per la partita per cui si attendono circa 1500 inglesi che si trovano già in Italia o provenienti da altri paesi al di fuori del Regno Unito.

Il piano sicurezza messo a punto dalla Questura è scattato già ieri con controlli nei luoghi della movida e di attrazione della città, il contingentamento degli accessi con i varchi in alcune piazze come Campo dè Fiori, Fontana di Trevi e piazza di Spagna. Verifiche nelle fan zone, monitorate attentamente fin da ieri stasera per la sfida dell'Italia contro il Belgio. Controlli rafforzati, inoltre, nei pressi di locali e pub che organizzano la visione della partita e dove gruppi di tifosi potrebbero assembrarsi. In vigore anche l'ordinanza del prefetto che vieta dalle 19 di ieri fino alle 7 di domani la vendita per somministrazione e asporto di bevande in contenitori in vetro nelle zone del centro e dello stadio. Un provvedimento che si aggiunge allo stop alla vendita di alcolici dalle 18 alle 7 per esercizi di vicinato e nei distributori automatici, disposto da una nuova ordinanza del Campidoglio che sarà in vigore fino al 15 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA