INTER

Superlega, Graziani: "È una cavolata". Mazzola: "Giusto così". Le reazioni

Lunedì 19 Aprile 2021
Superlega, Graziani: "È una cavolata". Mazzola: "Giusto così". Le reazioni

Non solo stampa e politica, tra i "reazionisti" alla Superlega ci sono anche molti ex addetti ai lavori. Nelle ultime ore sono state molte le dichiarazioni di guerra ai ricchi e potenti "separatisti" del mondo del calcio, e anche chi è ormai fuori dal sistema non sta mancando di far valere il proprio pensiero in materia.

​Superlega, il campionato europeo con Juve, Inter e Milan: «Nasce la nuova competizione»

Il partito dei contro

"La Superlega è una cavolata stratosferica, spero che la Uefa, la Fifa e tutte le Federazioni si oppongano in maniera forte" ha sentenziato Francesco Ciccio Graziani, campione del mondo con la nazionale azzura nel 1982.

Ancora più critico è il giudizio di Renzo Ulivieri, ex allenatore e ora presidente dell'Associazione Italiana Allenatori Calcio: "È una cosa folle, pensata da persone disperate che si aggrappano solo al profitto e hanno una visione non ristretta, e neanche parziale: proprio ottusa del mondo, e conseguentemente di quello del calcio, legata solamente al profitto", ha detto, sottolineando poi come il calcio sia lo sport di tutti, dallo juventino al livornese, dal milanista al pontederese.

Super Lega, Schinas (Commissione europea): «Calcio non sia riservato a pochi ricchi»

Anche Delio Rossi tuona a favore del sistema calcio come lo conosciamo: "Da un punto di vista sportivo non è un bene per il calcio. Tutte queste innovazioni sono più per un calcio economico", spiega il sessantunenne riminese, che il calcio lo ha vissuto sia in provincia che sulla ribalta nazionale.

Superlega, la Juve: «Si crea valore a lungo termine, le squadre si divideranno 3,5 miliardi »

Ancora pochi si

Al partito del no, a rigor di logica, corrisponde sempre un partito del si, ed è Sandro Mazzola a farsi portavoce di quella nicchia ancora timida di sostenitori del calcio che verrà: "Era ora che si facesse qualcosa per rinnovare - spiega l'ex Inter, che in quella Serie A che rischia di cambiare per sempre ha messo a segno anche 116 reti - "credo sia una cosa bella, giusto così".

 

Ultimo aggiornamento: 13:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA