Superlega, l'Uefa riaccoglie 9 dei 12 club fondatori. Barcellona, Real Madrid e Juve verso il deferimento

Superlega, l'Uefa riaccoglie 9 dei 12 club fondatori. Barcellona, Real Madrid e Juve verso il deferimento
4 Minuti di Lettura

Sembra non finire più, la querelle a proposito della Superlega. Nonostante il nuovo torneo europeo a inviti sia tramontato nel giro di pochi giorni, rimangono alcune incognite riguardo ai provvedimenti che l'Uefa potrebbe prendere nei confronti di Juventus, Barcellona e Real Madrid. Sì, perché un comunicato ufficiale diffuso questo pomeriggio fa infatti sapere che «l'Uefa ha approvato misure di reintegrazione per nove club coinvolti nella cosiddetta "Super League". La questione degli altri club coinvolti nella cosiddetta "Super League" sarà deferita agli organi disciplinari Uefa», così in un comunicato.

Superlega, per il momento nessuna sanzione ai club fondatori. Annunciate nuove sedi per Euro 2020

I club "pentiti"

Ovviamente quasi tutti i club fondatori sono presto tornati sui loro passi, complici le sanzioni minacciate dai vertici Uefa, e anche la vasta impopolarità del progetto, che ha riscosso una condanna pressoché unanime da parte di tifosi, dirigenti e persino politici e capi di Stato. Le squadre che si sono allineate hanno subito provveduto a dimostrare la loro buona fede: «I seguenti club - prosegue la nota pubblicata sul sito ufficiale dell'Uefa in italiano - sono coperti da queste misure e le hanno accettate: Arsenal FC, AC Milan, Chelsea FC, Club Atlético de Madrid, FC Internazionale Milano, Liverpool FC, Manchester City FC, Manchester United FC, Tottenham Hotspur FC», così l'Uefa.

Superlega, Perez: «C'è un contratto vincolante, il progetto resta. La Uefa non ha il monopolio»

Che poi conclude: «Questi club hanno riconosciuto rapidamente i loro errori e hanno preso provvedimenti per dimostrare il loro pentimento e il loro impegno futuro nel calcio europeo. Lo stesso non si può dire per i club che rimangono coinvolti nella cosiddetta "Super Lega" e la Uefa si occuperà di questi club in seguito»: e i club rimasti fuori dal conteggio dei "pentiti", pur se non nominati esplicitamente, sono proprio Juventus, Barcellona e Real Madrid. 

Le sanzioni

Ad ogni modo, anche i 9 club che sono stati reintegrati andranno incontro ad alcune misure. In particolare, ogni squadra «riconosce e accetta senza riserve la natura vincolante degli Statuti Uefa, rimarrà impegnato e parteciperà a tutte le competizioni Uefa per club in tutte le stagioni in cui la squadra centrerà la qualificazione per meriti sportivi, rientrerà a far parte dell'Associazione Club Europei (Eca ndr.) - unico organo di rappresentanza dei club riconosciuto dalla Uefa - e prenderà tutte le misure in proprio potere per porre fine al proprio coinvolgimento nella società creata per formare e gestire la Super League e cessare qualsiasi azione legale esistente come gesto di buona volontà», così in una nota ufficiale.

Inoltre, ogni squadra riaccolta «farà una donazione per un totale di 15 milioni di euro, da utilizzare a beneficio di bambini, giovani e calcio di base nelle comunità locali in tutta Europa, compreso il Regno Unito, sarà soggetto alla trattenuta del 5% dei ricavi che avrebbe ricevuto dalle competizioni Uefa per club per una stagione, che verranno ridistribuiti accetterà l'imposizione di sanzioni consistenti nel caso in cui prenda parte a una tale competizione non autorizzata (100 milioni di euro) o violi qualsiasi altro impegno assunto nella Dichiarazione d'Impegno del Club (50 milioni di euro) e fornirà impegni individuali alla Uefa sull'accettazione di tutti i principi e i valori stabiliti nel Memorandum d'Intesa 2019 tra la Uefa e l'Associazione dei Club Europei», così l'Uefa.

Superlega, ecco cosa può succedere a Nyon. Ceferin: «Io ingenuo? Meglio che bugiardo»

Venerdì 7 Maggio 2021, 19:33 - Ultimo aggiornamento: 20:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA