Da Yashin a Cafu fino a Beckenbauer, Maldini e Maradona: ecco la squadra del secolo di France Football

Lunedì 14 Dicembre 2020 di Giuseppe Mustica
Da Yashin a Cafu fino a Beckenbauer, Maldini e Maradona: ecco la squadra del secolo di France Football

La squadra del secolo. La più forte di tutti i tempi. Iper offensiva è vero, ma è stata fatta per sognare. Nell’anno in cui France Football non ha assegnato il Pallone d’oro, il quotidiano francese ha cercato di mettere insieme la migliore formazione della storia, affidandosi per l’elezione ai 140 giornalisti che di solito votano per assegnare il premio più ambito, a livello personale, per ogni calciatore. Ed ecco quello che è uscito fuori: una squadra difficile da assemblare a livello tattico, ma che sicuramente farebbe la fortuna di tutti gli allenatori. E poco importa se manca equilibrio, vuoi mettere una formazione del genere? La palla, gli altri, nemmeno la toccherebbero. 

3-4-3 FANTASIA E POCA TATTICA 

Ok, in porta pochi dubbi: c’è Lev Yashin. E sicuramente si è quasi tutti d’accordo. La difesa a tre è formata dall’ex romanista Cafu, da Franz Beckenbauer e da Paolo Maldini: l’unico italiano presente nella formazione del secolo. Piccolo appunto: l’attuale dirigente del Milan non ha mai vinto il Pallone d’Oro, e quest’inserimento nella formazione più forte di tutti i tempi è uno schiaffo a chi nel corso degli anni non l’ha mai votato. Vabbè, ma lasciamo perdere e andiamo avanti. A centrocampo si vola. Nel vero senso della parola. Aprite gli occhi e leggete bene. Ma, soprattutto, aprite la mente all’immaginazione di cosa poteva essere una mediana – se così possiamo chiamarla – del genere. Senza pensare, come detto prima, alla tattica. Ce n’è poca. A destra Diego Armando Maradona, dall’altro lato Pelé, in mezzo Xavi e Matthaus. Ok, adesso rileggete. All’infinito. Uno spettacolo. Davanti poi pochi dubbi, anzi quasi nulli: in mezzo al tridente offensivo ci va Ronaldo Luis Nazario de Lima, il Fenomeno in una sola parola. Alla sua destra Leo Messi, così che la Pulce possa convergere ed andare a colpire. Dall’altro lato, sempre per lo stesso motivo, l’altro Ronaldo, Cristiano. Ecco la squadra del secolo. Nel 2020 stravolto dalla pandemia, un motivo per sognare e per immaginarla insieme. Nel ricordo del Pibe de Oro, che purtroppo non è arrivato in tempo a godersi questo riconoscimento. Ma lui lo sapeva già di essere il più forte. Non gli serviva leggerlo. 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA