Sporting Genzano può respirare.
Matteo: «Vittoria che ci fa bene»

Martedì 5 Novembre 2019 di Tiziano Pompili
Mancava dal 22 settembre scorso la vittoria in casa Sporting Genzano. I ragazzi di mister Aldo Salerno, dopo il successo (sempre esterno) con il Falaschelavinio per 2-1, avevano messo insieme appena due punti nelle successive cinque partite.
 
Domenica scorsa, invece, è arrivato una corroborante vittoria sul campo dell’Aranova al termine di una gara “ad inseguimento” come spiega l’attaccante classe 1984 Mirko Matteo: «Siamo andati sotto su rigore e abbiamo pareggiato sempre dal dischetto con la mia rete. Poi l’Aranova è tornata avanti con un gol piuttosto rocambolesco a inizio ripresa e a quel punto non era facile reagire di nuovo, visto il momento e vista l’età media molto bassa del nostro gruppo. Invece il subentrato Grillo ha segnato il gol del 2-2 e poi nel finale ho sfruttato un lancio di Longo e ho siglato il definitivo sorpasso. La vittoria può fare decisamente bene all’autostima e al morale del gruppo».
 
Una doppietta che porta l’ex attaccante del Sermoneta (tra le altre) a raddoppiare il suo bottino personale in campionato: «L’anno scorso ho segnato 10 gol, spero di riuscire ad arrivare a 15 anche se sono “vecchietto”…» dice con un sorriso ironico Matteo che è al suo secondo anno di Sporting Genzano: «Qui c’è una società seria, un ambiente sano e un direttore sportivo e un tecnico molto competenti. Si può lavorare serenamente e speriamo di centrare l’obiettivo della salvezza anche in questa stagione». Nel prossimo turno ci sarà la sfida al Corneto Tarquinia che ha gli stessi punti in classifica: «Non abbiamo mai vinto in casa e proveremo a sbloccarci, anche se la squadra è sempre stata viva e le prestazioni sono state costanti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma