Spadafora apre alla riduzione dei tamponi per i professionisti. Stadi, resta il no del Cts

Martedì 15 Settembre 2020
Il Dipartimento presso il ministero guidato da Vincenzo Spadafora presenterà nelle prossime ore al Comitato tecnico scientifico una relazione sulla scansione delle partite della nuova stagione calcistica e sulla possibilità dunque di diluire la frequenza dei tamponi anti coronavirus per le squadre professionistiche. È questa, a quanto apprende l'Ansa da fonti del Ministero, l'apertura dell'ultima ora dopo l'incontro avuto oggi col Cts da parte del capo del dipartimento.

La necessità di test ogni quattro giorni, è stato sottolineato ai membri del comitato, era legata al calendario compresso del finale di stagione, situazione che ora è del tutto diversa. Quanto al pubblico negli stadi, la situazione resta quella definita: per capire se e come riammettere un numero contingentato di tifosi bisognerà aspettare una verifica a inizio ottobre in vista del prossimo mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA