Frosinone, Dionisi e Paganini firmano una vittoria da... A

Domenica 10 Novembre 2019 di Vanni Zagnoli
Meritato il successo della Cremonese sull’ambiziosa Salernitana, dopo un mese e mezzo di digiuno, è il primo per Marco Baroni, da subentrato in panchina a Rastelli. Il Cosenza resiste a Trapani, nella sfida fra candidate alla serie C.

Frosinone-Chievo 2-0: 20’ Dionisi rig, 8’ st Paganini.
Lentamente, i ciociari risalgono, sono a un punto dalla zona playoff e a 4 dalla seconda piazza, mantenendo l’imbattibilità dello Stirpe. Dopo il cattivo inizio, Alessandro Nesta non rischia più, mentre Marcolin perde dopo 10 gare utili.
Il Chievo perde palla a centrocampo, Leverbe tocca con un braccio su un cross dalla sinistra, il rigore ci sta. Il portiere Semper si supera su Ariaudo, che era peraltro in fuorigioco. Obi, invece, è fuori dal gioco, in un primo tempo bloccato, con reazione veronese solo di nervi. Il raddoppio è sul classico assist di Camillo Ciano, Dionisi non arriva, Paganini sì e ha l’abitudine di segnare contro le grandi: il padre è stato primo ballerino alla Scala di Milano, lui
Gli ultimi 20’ sono dei gialloblù veneti (in maglia blu), con il subentro di Vignato, che impegna Bardi per due volte e il portiere è strepitoso anche sulla ribattuta di Rodriguez. Generalmente il Frosinone costruisce di più, la difesa a tre concede meno: da tre gare la porta è inviolata. Non granchè la prima da titolare per Pietro Rovaglia, classe 2001, nel Chievo.

Cremonese-Salernitana 1-0: 27’ st Ciofani.

Il palo grigiorosso è sul cross morbido di Mogos con torsione di Ciofani. Altre tre occasioni per la squadra di Marco Baroni sono con Valzania, sempre parate da Micai, mentre la Salernitana si affida alla conclusione da fuori di Jallow, salvata da Agazzi sulla traversa. 

Nel secondo tempo la tripla pallagol campana, con Gondo, Kijine e Lombardi, murato da Terranova. Daniel Ciofani e Kingsley restano insidiosi, Micai è attento. Il gol arriva su cross da destra del solito Mogos, Ceravolo è probabilmente in fuorigioco a centro area e partecipa all’azione, Daniel Ciofani infila. Con gli stessi protagonisti non arriverà il raddoppio. Di fronte a mille tifosi, l’ex ct Ventura incappa nella 3^ sconfitta di fila.

Trapani-Cosenza 2-2: 6’ e 47’ Pierini (C), 17’ Moscati (T), 43’ Pettinari (T).

Emozioni al Provinciale in una gara aperta, fra squadre che rischiano la serie C. Nicholas Pierini con un dribbling stretto su Pagliarulo arriva a trafiggere Carnesecchi, di punta, dopo l’errore di Taugourdeau. 

Il Cosenza controlla, sino al pari, Scaglia serve Moscati al limite e calcia di prima, il tiro è deviato da Idda, è imparabile. Pettinari in rovesciata esalta Perina, il portiere del Cosenza. Prima dell’intervallo il cross di Corapi, uno degli uomini della ripartenza del Parma, dalla serie D, per il colpo di testa a botta sicura di Scaglia, Perina si oppone e Pettinari infila il vantaggio siciliano. L’ulteriore pareggio è ancora di Pierini, scavetto dopo due conclusioni deviate.

Il Trapani fa la partita, il Cosenza replica. Scaglia con il sinistro da fuori coglie il palo interno, al Var ci sarebbe stato un rigore a favore dei granata di casa. Il finale è silano, ravvivato solo dal nervosismo, con 4 ammonizioni in sequenza su angoli in serie poi le espulsioni di Pagliarulo e Capela, decisione inconsueta, per chi era appena stato sanzionato per trattenute in area. Ultimo aggiornamento: 23:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma