Serie B, l'Ascoli rimonta a Pescara. Foggia fermato a La Spezia da due legni

Domenica 25 Novembre 2018 di Vanni Zagnoli
Doppio pari, nelle gare di serie B del pomeriggio. L’Ascoli rimonta a Pescara, il Foggia regge a La Spezia.

E’ 1-1 nel quasi derby allo stadio Adriatico, con tante emozioni nel primo tempo. Lanni mantiene inviolata la porta ascolana, a Mancuso para il rigore (fallo di Laverone sullo stesso attaccante) e anche un’altra occasione. Nel recupero, strepitoso riflesso sul tentativo a botta sicura di Memushaj. Non è da meno Fiorillo sulla svirgolata di Gravillon, comunque il Pescara è superiore. Alla ripresa è subito festa biancazzurra, assist di Mancuso e destro in corsa di Brugman per l’1-0. L’Ascoli replica, Cavion centra il palo e al 20’ Ardemagni pareggia con un gran movimento, evitando Perrotta. D’Elia subisce la seconda ammonizione, l’Ascoli finisce in 10 per 20’ eppure non concederà altre occasioni. Il Pescara è secondo con 23 punti, l'Ascoli a metà classifica a 16.

Tante emozioni ma nessuna rete, al Picco, con due legni colpiti dal Foggia, che senza penalizzazione sarebbe da playoff. Iemmello è insidioso per i dauni, Vignali devia poco sopra la traversa. La grande occasione per lo Spezia è a metà primo tempo, Okereke si conferma in gran forma, dribbla Ranieri ma davanti al 41enne Bizzarri spreca malamente. Prima dell’intervallo, Lamanna disinnesca il sinistro di Chiaretti deviando la palla sul palo. La traversa è al 16’ della ripresa, sul cross di Kragl è Mazzeo a trovare l’acrobazia giusta, a portiere battuto. I pugliesi premono ma al 20' rimangono in 10 per la doppia ammonizione di Agnelli, in genere una sicurezza. Lo Spezia prende coraggio, Bizzarri per due volte salva sui tiri di Bartolomei e Augello. Neanche gli incitamenti di Totò Di Natale, accanto a mister Marino, bastano ai liguri per sbloccare il match. Salgono comunque a 17 punti, in zona playoff, mentre il Foggia è terzultimo, con 8. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Whatsapp parla chiaro: studenti on line in classe

di Raffaella Troili