Bologna-Napoli 3-2. Santander regala
vittoria e decimo posto a Mihajlovic

Sabato 25 Maggio 2019 di Emilio Buttaro
Sinisa Mihajlovic
Mihajlovic completa il suo capolavoro con il settimo successo consecutivo casalingo al Dall’Ara che permette al Bologna di chiudere il campionato a quota 44 in classifica. Numeri da record per il tecnico serbo con 30 punti in 17 gare e concrete possibilità di finire il campionato al decimo posto in attesa delle gare di Spal e Sassuolo. Per il Napoli reduce da quattro successi consecutivi e da tempo sicuro del secondo posto, la stagione si chiude con la settima sconfitta in campionato.  
Al Dall’Ara è il Sinisa-day, tutti in piedi per il tecnico serbo all’ingresso delle squadre in campo con cori e striscioni indirizzati all’uomo del miracolo rossoblu. In attesa degli imminenti annunci da parte della dirigenza bolognese in una conferenza stampa in programma lunedì, il pubblico vuole offrire il giusto tributo all’allenatore che ha saputo ricompattare l’intero ambiente. E proprio il patron del Bologna Joey Saputo intervistato da Sky prima della gara è in perfetta sintonia con il clima della serata: “Una settimana fa stavamo lottando per la salvezza, stasera per il decimo posto. Il calcio è incredibile, abbiamo tante emozioni da una settimana all'altra. Sono contentissimo - ha proseguito il presidente del Bologna -  di aver scelto un allenatore capace di ridare un po' di gloria a questa squadra. Quello che è accaduto quest’anno non voglio viverlo più. Se questo vuol dire che dobbiamo investire per avere la certezza di una squadra competitiva, lo farò”. Insomma le premesse per proseguire con il tecnico serbo potrebbero esserci e domani nell’incontro tra allenatore e presidente per festeggiare la salvezza con tutto l’ambiente rossoblu emergeranno nuove indicazioni. Nell’attesa Walter Sabatini, ex ds tra le altre di Lazio e Roma sembra sempre più vicino al Bologna e potrebbe essere il nuovo responsabile dell’area tecnica.
La notte del Dall’Ara intanto regala le ultime emozioni della stagione con un micidiale uno-due di marca felsinea in chiusura di primo tempo. Apre di testa il ritrovato Santander, proprio l’uomo che aveva suonato la carica alla prima di Mihajlovic con il sorprendente successo in casa dell’Inter. Due minuti dopo arriva anche il sigillo di di capitan Dzemaili che da buon ex preferisce non esultare. Nella ripresa il Napoli riapre i giochi con Ghoulam da posizione ravvicinata e con Skorupski nell'occasione non esente da colpe. La squadra di Ancelotti cresce e arriva così anche il gol di Mertens entrato poco prima e sempre in rete quando affronta il Bologna. La gara sembra indirizzata verso il pari ma nel finale arriva il gol di Santander per l'ultimo brindisi rossoblu in una stagione davvero incredibile. E al triplice fischio tutti ad abbracciare Sinisa Mihajlovic entrato più che mai nella testa dei giocatori e soprattutto nel cuore dei tifosi.


RILEGGI LA DIRETTA

  Ultimo aggiornamento: 22:37


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma