Aguero lascia il calcio in lacrime per problemi cardiaci: «Momento durissimo, ma prima la salute​»

Il giocatore lascia a causa di un'aritmia. Il saluto del Manchester City: «Grazie Kun»

Sergio Aguero dà l'addio al calcio
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 15:18

«Ho deciso di smettere di giocare a calcio professionistico. E' un momento molto difficile». Sergio Aguero in lacrime annuncia ufficialmente che non tornerà più in campo. L'argentino, insieme al presidente del Barcellona Joan Laporta, ha indetto una conferenza stampa al Camp Nou, per ufficializzare il ritiro. «Ero nelle buone mani dei medici, mi hanno detto che la cosa migliore era smettere di giocare e ho preso questa decisione una settimana o dieci giorni fa - ha spiegato l'attaccante -. Ho fatto del mio meglio per vedere se c'era qualche speranza ma non è servito».

Aguero, problemi seri al cuore. «Rischia di dover lasciare il calcio», le ultime voci dalla Spagna. La smentita del Kun

Aguero dice addio al calcio: «E' un momento difficile»

Sergio Aguero non riesce a trattenere l'emozione. Era arrivato al Barcellona per prendere l'eredità lasciata da Lionel Messi, ma non è praticamente mai riuscito a entrare in campo. Lo scorso 30 ottobre ha sofferto di un'aritmia cardiaca, che l'ha costretto allo stop. Tantissimi i messaggi d'affetto per il calciatore. Tra questi anche quello del Real Madrid, che l'ha salutato su Twitter: «È stato un onore affrontare un giocatore come te. Uno dei migliori calciatori al mondo. Buona fortuna a te e alla tua famiglia». Commovente anche il messaggio inviato dal Manchester City, suo ex club: «Re Kun. Tutti al Manchester City vorrebbero cogliere l'occasione per ringraziare Sergio Aguero per il suo incredibile contributo al nostro successo negli ultimi dieci anni e per augurargli ogni bene». Nel 2012 il Kun aveva segnato il gol decisivo nell'ultimo match di Premier League contro il QPR, riportando il titolo ai Citizens dopo 44 anni. Su Instagram anche Francesco Totti si è unito ai messaggi di saluto: «In bocca al lupo».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA