Scalo, il presidente Saccà in estasi:
«Gioia indescrivibile, puntiamo al bis»

Venerdì 7 Febbraio 2020 di Alessandro Monteverde
L'estasi a Monterotondo, la vittoria della Coppa ed un campionato ancora da giocare. Senza contare la fase nazionale della competizione vinta con merito dal Real Monterotondo Scalo. Nelle parole del Presidente Bruno Saccà c'è tutto questo mix di emozioni e pensieri rivolti al futuro: "La vittoria di mercoledì ci ha regalato delle sensazioni incredibili. Abbiamo affrontato questa competizione in maniera intelligente. Mano a mano che andavamo avanti il gusto di non fermarsi prendeva sapore. Nettuno e soprattutto la rimonta contro il Pontinia ci hanno caricato, e siamo arrivati in finale eliminando un avversario ostico come il Civitavecchia. La finale è stata una gara molto bella contro un avversario di tutto rispetto. Ringrazio i ragazzi che ci hanno regalato questa gioia così grande. In particolare, il mio pensiero va al nostro portierino Baldinetti che con le sue parate ci ha portato ad alzare questo trofeo così prestigioso. Una festa per tutti, anche per la città che abbiamo fatto appassionare e ci ricambiato con molto affetto ed attenzione. Questa vittoria rappresenta una platea importante per Monterotondo, ed anche le istituzioni, nella persona del Sindaco e degli assessori ci hanno fatto sentire tutta la loro gioia. Ora andiamo avanti con la fase nazionale che sarà sicuramente un bel banco di prova. Un mondo nuovo per noi, dove affronteremo trasferte impegnative, ma vogliamo arrivare in fondo".

Una vittoria quella in Coppa Italia che non potrà che dare nuovo slancio all'obiettivo ambizioso del club, quello della promozione in interregionale: "Sicuramente questa vittoria ci darà la carica per ripartire anche in campionato. Veniamo da due sconfitte consecutive che ci sono costate il primato ma ci siamo. Se guardiamo allo scorso campionato, l'esempio del Nuova Florida non può che farci sperare. Un bel bis sarebbe un sogno!". Infine un pensiero a chi ha contribuito a portare il Real così in alto: "Voglio dedicare questa vittoria a tutti i miei soci, perchè da solo non avrei mai potuto affrontare un tal impegno. Dal vice - presidente Salvatore Varsalona al mio predecessore Aldo Merli in particolare, senza di lui questa meravigliosa realtà non avrebbe preso forma e vita".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma