JUVENTUS

Un gol pazzesco di Cristiano Ronaldo piega la Samp: vince la Juve 2-1

Mercoledì 18 Dicembre 2019 di Marco Callai
Sampdoria-Juventus, dalle 18.55 La Diretta formazioni: Sarri conferma il tridente

Non è una Juventus brillante ma il compitino lo svolge bene lo stesso. Dybala e Cristiano Ronaldo consentono a Sarri di guardare Conte dall’alto in basso, tre gradini sopra in attesa di Inter-Genoa di sabato prossimo.  Buona prestazione per la Samp, condizionata dai soliti limiti offensivi ma capace di trovare il provvisorio pari con Caprari. Alex Sandro una volta croce con l’errore in occasione del pareggio blucerchiato ma due volte delizia con gli assist per entrambe le reti bianconere.

LEGGI ANCHE --> Juventus, Cristiano Ronaldo vola a 2,56 metri: «L'importante è vincere titoli»

LA PARTITA – Buffon torna tra i pali della Juventus e taglia il traguardo delle 647 presenze appaiando Paolo Maldini. Chance importanti per Danilo e Demiral, a destra in difesa il rientro di Alex Sandro. Grande attesa per il tridente Dybala-Higuain-Cristiano Ronaldo.  E’ molto prudente Ranieri, con l’unica punta Caprari sostenuta da Ramirez: come nel secondo tempo del derby, Murillo terzino destro e Thorsby in mediana.

La Sampdoria inizia con la carica giusta. Un cattivo controllo di  Demiral, al 3’, consente a Murru di aver strada libera verso Buffon. Il difensore turco riesce a recuperare e a  contrastare, di mestiere, l’offensiva del laterale sinistro di Ranieri. Sfogo iniziale a parte, il canovaccio della gara è il seguente: blucerchiati quasi tutti dietro la linea della palla, bianconeri padroni del campo con corti passaggi alla ricerca della profondità. Ronaldo, braccato da Murillo, agisce spesso sulla fascia sinistra, salvo spostarsi al centro come al 16’ su affondo di Alex Sandro: c’è il colpo di testa, non la mira giusta. Murillo non rimane a fare il cane da guardia  e assiste De Paoli in proiezione offensiva al 18’: sul suo cross, la girata di Ramirez mette i brividi a Buffon. E’ una piccola iniezione di fiducia cancellata dall’azione successiva: stessa fascia, fronte opposto, Alex Sandro offre un perfetto assist per il sinistro al volo di Dybala. Palla nell’angolino, Juventus avanti. I successivi minuti  vedono i campioni d’Italia giocare al gatto con il topo. Higuain spreca il raddoppio da buona posizione, Colley mette toppe ovunque. Sacrifici a tutto campo, ripagati al 35’. Tutto nasce da un errore di Alex Sandro: il suo anticipo su Ramirez è un incredibile assist per la vincente conclusione di Caprari.

La Sampdoria ne guadagna in autostima, la Juve assorbe la delusione e riparte. Tutto il tridente è coinvolto quando al 41’, su cross di Cristiano Ronaldo, Higuain prima e Dybala poi mancano la deviazione decisiva. Al 45’ Alex Sandro si fa perdonare con un nuovo traversone al bacio questa volta non per il piede dell’uruguayano ma per la testa del portoghese. Stacco imperioso (2 metri e 56) per il 2-1, gol fondamentale per vivere un sereno intervallo.  

La Juve non forza alla ricerca dell’immediata chiusura del match, la Samp si riaffaccia dalle parti di Buffon con le conclusioni di Jankto e Thorsby. Al 56’ la palla match per Matuidi ma da pochi passi il francese fallisce il 3-1. L’ingresso di Gabbiadini per Jankto, a mezz’ora dalla fine, è il segnale di quanto Ranieri creda nella possibilità di rimonta. E’ proprio il match winner del derby ad addomesticare un buon pallone per Ramirez al 69’: il trequartista, però, manca l’allungo decisivo. Le mosse di Sarri, Ramsey per Higuain e Douglas Costa per Dybala, sono segnale di maggior attenzioni: 4-3-3 ancora, ma con Cristiano Ronaldo unico finalizzatore di ruolo assieme a due giocatori con doti di ripiegamento in caso di necessità. La Juventus trova maggior equilibrio e, in ripartenza, sfiora la terza rete con un diagonale di Cristiano  Ronaldo. Nel finale l’espulsione di Caprari per doppia ammonizione. Verso il match di Supercoppa contro la Lazio, il primato provvisorio (ma solitario) in classifica è il miglior viatico.

 

SEGUI LA DIRETTA

LE FORMAZIONI:
SAMPDORIA: 
(4-4-2): Audero; Murillo, Ferrari, Colley, Murru; Depaoli, Thorsby, Linetty, Jankto; Ramirez, Caprari. All. Ranieri
JUVENTUS: (4-3-1-2): Buffon; Danilo, Bonucci, Demiral, Alex Sandro; Rabiot, Pjanic, Matuidi; Dybala; Higuain, Ronaldo. All. Sarri

Guarda la classifica

Sampdoria e Juventus si sono incontrate a Marassi 61 volte nella storia della Serie A a girone unico: bilancio sorprendentemente equilibrato, con 21 successi dei blucerchiati, 18 pareggi e 22 vittorie della Juventus, l'ultima delle quali nel girone di ritorno della stagione 2016/1017 grazie ad un gol di Cuadrado al 7' del primo tempo.

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 00:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA