Sampdoria-Inter, le pagelle: Nainggolan ​si vede pochissimo

Sabato 22 Settembre 2018 di Marco Callai
SAMPDORIA

Audero 6: sempre sicuro sulle palle alte, nulla può sulla potente conclusione di Brozovic. Bell’intervento, a metà ripresa, su Candreva.

Bereszynski 6,5: bene sia in fase di spinta, sia nella copertura soprattutto nel primo tempo quando limita Candreva.

Andersen 6: ordinato e preciso, si oppone sempre bene a Nainggolan. Va in difficoltà nel finale, come tutta la squadra.

Tonelli 6: fa  valere molto la sua esperienza in marcatura su Icardi.

Murru 6: vince il confronto con D’Ambrosio ma nella ripresa la dormita su Candreva (palo interno) rischia di costare davvero cara.

Praet 6: da applausi al 13’ un lancio da 35 metri per Quagliarella, accelerazioni pericolose a centrocampo prima di calare insieme a tutti i suoi compagni.
(14’ st Barreto 6 sempre grintoso anche se grezzo)

Ekdal 6,5: orchestra bene il centrocampo, lo tiene in pugno quando l’Inter alza i ritmi ed è un punto di riferimento per tutti i suoi compagni

Linetty 5,5: inizio determinato, poi inizia a girare a vuoto e a non esser più d’aiuto al centrocampo.
(14’ st Jankto 5,5 ancora molta ruggine da togliere)

Ramirez 5,5: poco filtro, pochissimi palloni utili per gli attaccanti. Si prende poche responsabilità

Quagliarella 6: mette in difficoltà Skriniar nella prima mezz’ora, è vero che non punge ma lotta sempre

Defrel 5,5: si prende un giallo gratuito togliendosi la maglia in occasione del gol annullato. Si fa troppe volte anticipare da Miranda

All.: Giampaolo 6: la sua Samp regge il confronto con l’Inter, ma con un po’ di coraggio in più nel primo tempo e maggiore attenzione nell’ultimo quarto d’ora poteva uscire un risultato diverso


INTER

Handanovic 6: a parte due interventi su Quagliarella, una serata da spettatore

D'Ambrosio 5,5: fatica molto a contenere Murru e si propone poco in avanti

Skriniar 6,5: prende bene le misure a Quagliarella e, dopo le difficoltà iniziali, trasmette grande tranquillità ad Handanovic

Miranda 6,5: ancora una bella prova dopo quella contro il Tottenham, questa volta alle prese con un cliente non semplice come Defrel

Asamoah 6,5: cresce nella ripresa, segna un gol di potenza e precisione non convalidato perché la palla esce prima dell’assist di D’Ambrosio  

Vecino 6: gara positiva anche in copertura, ma il suo apporto potrebbe esser superiore

Brozovic 7: ci mette determinazione, piede buono e cuore nell’azione conclusiva e regala all’Inter la vittoria e una possibile svolta in campionato

Candreva 6,5: discreto nel primo tempo, il suo rendimento aumenta nella ripresa quando è spostato a destra. Sfortunato al 50’ quando coglie un palo interno

(25’ st Keita 6,5 ha il merito di fornire l’assist a Brozovic per il gol partita)

Nainggolan 5,5: la leggera posizione di fuorigioco di Icardi, di cui Guida si accerta dopo la revisione del VAR, gli nega la gioia del gol su botta di prima intenzione ma per il resto si vede pochissimo.
 
Politano 6: senza infamia e senza lode. Ci mette molto impegno ma non riesce quasi mai a sfondare la linea difensiva avversaria

(15’ st Perisic 6 non cambia la partita ma, come sempre, non dispiace)

Icardi 5,5: la Sampdoria non gli spalanca la porta come nelle precedenti occasioni, l’impegno non gli manca ma cinque partite senza gol ora iniziano a diventare tante…

Spalletti 6,5: dopo due gol cancellati dal VAR e un palo interno, un risultato diverso da una vittoria sarebbe stato accolto male. Cambia tutta la trequarti nel corso della ripresa, il suo coraggio è premiato da un super Brozo. Ultimo aggiornamento: 23:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti