Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ronaldo rompe il telefonino di un ragazzo autistico dopo la sconfitta contro l'Everton: polemiche in Premier

Ronaldo, rotto il telefonino di ragazzo autistico: indaga la polizia
3 Minuti di Lettura
Domenica 10 Aprile 2022, 18:28 - Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 18:59

Disastroso momento per Cristiano Ronaldo al Manchester United. Non solo, sabato, i Red Devils hanno perso contro l'Everton in trasferta, ma il campione portoghese è diventato il protagonista di un episodio grave. Infatti, dopo la sfida persa per 1-0 contro l'Everton, Ronaldo rientrava verso gli spogliatoi e zoppicava con una ferita all'altezza della gamba sinistro: a un certo punto, con un gesto improvviso, ha fatto cadere dalle mani (e rotto) il telefonino di un giovane tifoso avversario intento a scattargli una fotografia o a registare un video.

Subito le immagini dell'accaduto hanno cominciato a circolare, in modo virale, lungo le infinite vie del web. E si sono scatenati tonnellate di polemiche e anche l'interesse della polizia locale. Gli agenti del Merseyside, del resto, hanno spiegato che stanno collaborando con le due squadre per chiarire i contorni di quello che è successo.

Tanto che Ronaldo si è dovuto scusare via Instagram. «Non è mai facile affrontare le emozioni in momenti difficili come quello che stiamo affrontando. Però dobbiamo essere sempre rispettosi, pazienti e dare l'esempio a tutti i giovani che amano il bel gioco. Vorrei scusarmi per il mio sfogo e, se possibile, vorrei invitare questo tifoso a guardare una partita a Old Trafford in segno di fair play e sportività», ha scritto.

Il punto è che la mamma del ragazzo (un 14enne con disturbi dello spettro autistico) non ha lasciato scivolare l'episodio nel dimenticatoio, anzi. «Era la prima partita di calcio cui andava, e questo è quello che è successo. È sconvolto, e non vuole più andare allo stadio». Per documentare meglio i fatti, la donna ha pubblicato un'immagine dello smartphone danneggiato e della mano del ragazzo, piuttosto arrossata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA