Roma, da Zaniolo a Pastore fino a Zappacosta: i rinforzi Champions sono fatti in casa

Roma, da Zaniolo a Pastore fino a Zappacosta: i rinforzi Champions sono fatti in casa
di Stefano Carina
3 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Maggio 2020, 09:31

Chiamarli rinforzi probabilmente è esagerato. Di certo c’è che il se il campionato non si fosse fermato per oltre due mesi, la rincorsa alla Champions Fonseca l’avrebbe fatta senza Zappacosta, Pastore e Zaniolo. Perché se è vero che i primi due ormai da qualche giorno si stanno allenando regolarmente in gruppo, non va dimenticata l’inattività alla quale sono stati sottoposti: il terzino è fermo dal 4 ottobre, l’argentino da novembre a fine aprile. Proprio questa lunga sosta dovuta alla pandemia sta permettendo loro di riavvicinarsi al campo con cautela, senza forzare, per farsi trovare pronti a metà giugno. Discorso simile per Zaniolo: Nicolò tornerà ad allenarsi in gruppo tra un paio di settimane e vorrebbe regalarsi, per il suo ventunesimo compleanno (2 luglio), una convocazione, trampolino di lancio per tornare poi decisivo nelle ultime 9-10 partite del torneo. 
LA RIVINCITA 
Se di Nicolò è inutile perdersi nel raccontare cosa può dare alla Roma (non a caso la flessione della squadra è coincisa con il suo ko: 4 sconfitte nelle prime 5 partite disputate senza di lui), Zappacosta è tutto da scoprire. Si può partire da una certezza: nei progetti estivi era lui il terzino titolare. Anche Florenzi, dopo averlo più volte negato quando vestiva ancora la maglia giallorossa, qualche giorno fa lo ha ammesso: «Fonseca non mi vedeva terzino». E proprio per questo motivo aveva dato il via libera all’arrivo di Zappacosta. L’avvisaglia di una stagione da dimenticare, l’ex granata l’ha però avuta subito. Prima giornata contro il Genoa: al ‘93 ha la palla del 4-3 davanti al portiere ma la sbuccia. Seconda giornata: nel riscaldamento pre-derby s’infortuna riportando una lesione di secondo grado al muscolo soleo. La prognosi è 3-4 settimane di stop. Quando sta per rientrare, si rompe il crociato. Averlo nuovamente a disposizione permetterà a Fonseca di giocare a destra con terzini molto propositivi. Quale sia il modulo tra lui e Peres la spinta non mancherà. Dodici gare per strappare una conferma, anche se in prestito. La Roma (assemblea dei soci il 26 giugno) ha qualche dubbio. E non è un caso che dall’Argentina l’avvicinino a Montiel (River Plate). 
SESTO UOMO
Discorso a parte merita Pastore. A fine ottobre sembrava rinato. Messosi alle spalle i problemi fisici, l’argentino era riuscito a infilare 4 gare consecutive da titolare (Milan, Udinese, Napoli e Parma). L’euforia è durata poco. Un edema all’anca l’ha tenuto fuori per altri 4 mesi. Ora con Mkhitaryan e Pellegrini in forma, appare difficile toglier loro il posto. Ma Pastore potrebbe comunque rivelarsi importante, come nel basket lo è il ‘sesto’ uomo. Soprattutto in estate, con ritmi più lenti, l’estro e la classe dell’ex Psg potrebbero essere decisive. L’importante è che stia bene. Particolare non di secondo piano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA