Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sabatini: «I tanti infortuni nella Roma? Due mesi di intensa attività, non siamo preoccupati»

Sabatini: «I tanti infortuni nella Roma? Due mesi di intensa attività, non siamo preoccupati»
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Settembre 2014, 10:29 - Ultimo aggiornamento: 10:40

Walter Sabatini a Roma radio, un'intervista sul bel momento che sta vivendo la Roma è anche l'occasione per fare chiarezza sui numerosi infortuni capitati ai giocatori. «Siamo molto soddisfatti dall’andamento delle cose, gli infortuni sono di diversa natura dopo due mesi di atttività molto intensa e non abbiamo alcun tipo di preoccupazione, anche perché non sono allo stesso tipo di zona muscolare. I giocatori hanno risentito dell’impegno a cui è stata sottoposta la squadra. SIamo soddisfatti del rendimento e del lavoro dei preparatori della Roma», le parole del ds giallorosso. Che poi ha aggiunto: «Possono essere dati da situazioni di particolare stress. Considerate Iturbe, che è uno scattista che si sottopone a ripetuti scatti per 90 minuti. E’ tutto previsto, l’attività avevamo previsto che sarebbe stata complessa e non vogliamo mettere in discussione i nostri preparatori: siamo totalmente sereni. La Roma ha pensato ai soldi della tournée negli Usa a discapito della preparazione?

E’ del tutto evidente e non credo di difendere le scelte della società. Tutte le società di un certo livello nel mondo si sottopongono a un genere di attività. O ci si vuole sedere a un calcio importante e commerciale o si fa un altro tipo di calcio. La Roma ha fatto una scelta da cui non si può più tornare indietro e anche Chelsea, City hanno fatto la stessa cosa. Si può tornare a fare i ritiri a Norcia per 40 giorni senza toccare palloni ma è un calcio romantico e che non c’è più».

© RIPRODUZIONE RISERVATA