Roma, Pellegrini: «Abraham può diventare uno dei migliori al mondo. Mourinho è la storia del calcio»

Roma, Pellegrini: «Abraham può diventare uno dei migliori al mondo. Mourinho è la storia del calcio»
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Dicembre 2022, 11:16

Gl infortuni muscolari lo hanno frenato, ma i due mesi di pausa per il Mondiale stanno contribuendo a farlo tornare quello di prima. Lorenzo Pellegrini si prepara a giocare da leader una seconda parte di stagione grazie a Mourinho che lo ha messo al centro del progetto tecnico: «È un allenatore che ha scritto la storia del calcio, ha trasformato lo sport e fa ancora di tutto per continuare a vincere, è qualcosa che infonde in noi ogni giorno. È incredibile. Nell'ultimo anno e mezzo sotto Mourinho, ho avuto una nuova sensazione. Riesce a trasmettere emozioni da mettere poi in campo», ha detto a Four Four Two.

Zaniolo-Roma, prove di rinnovo e destino incerto: la distanza e le garanzie

Un tecnico che al suo primo anno ha portato un trofeo dopo 14 anni di astinenza: «Tutto il percorso è stato speciale. Fin dall’inizio, abbiamo creduto di poter vincere. Ci siamo dedicati a questo. Vincere è stata la realizzazione di un sogno per me. Ho sempre sognato di alzare un trofeo con questa maglia e la scorsa stagione è stata la mia prima vera stagione da capitano. Essere riuscito a combinare queste due cose, la prima vittoria della mia carriera con la fascia da capitano con questa maglia, è stato veramente emozionante».

Roma, Mourinho torna alla difesa a quattro e Zaniolo accende la luce. Nicolò è pronto a futuro da leader

Leader di quella cavalcata Tammy Abraham che in questa stagione sembra un po’ in ombra: «È stato molto coraggioso, alla sua età. Non giocava sempre al Chelsea, ma quando lo faceva andava bene e aveva appena vinto la Champions League. Accettando la Roma ha accettato una sfida e si è messo alla prova. Con il giusto lavoro e la giusta mentalità, può diventare uno dei migliori attaccanti del mondo, ha un potenziale incredibile. La scorsa stagione ha prodotto numeri impressionanti. Oltre ad essere un grande giocatore, stare con lui nello spogliatoio è un piacere: è vitale per il nostro gruppo». In chiusura una battuta su Smalling: «Gli ho chiesto di recente dove mi avrebbe portato fuori a cena, quest’anno gli ho già fatto tre assist». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA