Roma, Mkhitaryan è un caso: prestazioni in calo, possibile addio a gennaio

Roma, Mkhitaryan è un caso: prestazioni in calo, possibile addio a gennaio (foto Mancini)
di Gianluca Lengua
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Novembre 2021, 16:13

Dopo aver messo alla berlina le riserve, José Mourinho ha cominciato a puntare i titolari. La partita con il Venezia ne è un esempio: per 90 minuti Mkhitaryan è rimasto in panchina. Scelta dovuta non solo a qualche acciacco fisico, ma anche al calo della forma. Se lo scorso anno l’armeno aveva cominciato ad abbassare il rendimento a metà stagione, quest’anno l’appuntamento con la stanchezza è arrivato molto prima nonostante Mourinho lo abbia fatto giocare meno rispetto a Fonseca. L’ex tecnico, infatti, non se ne è mai privato nelle prime dodici giornate e, nelle prime quattro partite di Europa League, lo ha fatto giocare al massimo metà tempo. Mou, invece, lo ha utilizzato titolare fino alla gara contro il Milan (11° giornata), ma sia con i rossoneri che con il Napoli lo ha schierato solo un tempo (2 gol totali in Serie A in 11 partite). In Conference League, invece, lo ha tenuto in panchina nei primi due scontri e fatto giocare nei due successivi un totale di 90 minuti. Risultati troppo scarsi per un giocatore con un ingaggio da 5 milioni a stagione. 

Mercato Roma, Mkhitaryan in uscita a gennaio

Insomma, è evidente il deterioramento del giocatore anche per via degli impegni in nazionale e dell’avanzamento dell’età, ma per il momento non sono segnalate divergenze o conflitti con l’allenatore come accaduto ai tempi del Manchester United. All’epoca, infatti, Mourinho lo ha accusato di allenarsi poco e seguire una dieta sbagliata e tra novembre e dicembre 2017 lo ha lasciato in tribuna per sei partite consecutive. «Acqua passata» si sono affrettati a sottolineare entrambi, in effetti Micki è diventato un suo “fedelissimo”, ma le recenti prestazioni potrebbero farlo scendere nelle gerarchie a favore di El Shaarawy. Poco male, anche perché il contratto con la Roma scadrà a giugno 2022 e il suo procuratore Mino Raiola starebbe cercando di piazzarlo già nella sessione di gennaio: recentemente è stato accostato allo Spartak Mosca, ma il club russo ha smentito l’interesse. Se nessuna squadra si farà sotto, allora lascerà la capitale in estate a parametro zero. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA