Roma, chi è la spalla ideale di Abraham? Mourinho è alla ricerca della coppia perfetta

Roma, chi è la spalla ideale di Abraham? Mourinho è alla ricerca della coppia perfetta
di Gianluca Lengua
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Dicembre 2021, 11:21 - Ultimo aggiornamento: 11:29

La premessa è d’obbligo: si può parlare di coppia d’attacco solo da poco più di un mese ad oggi, ossia da quando José Mourinho ha cambiato modulo con il 3-5-2. La prima partita in cui il tecnico ha sperimentato il nuovo schema dall’inizio è stata Venezia-Roma schierando la coppia Abraham-Shomurodov. Il risultato non lo ha premiato perché i giallorossi hanno incassato una sconfitta per 3-2, anche se a livello offensivo qualcosa ha cominciato a cambiare: 27 tiri in porta totali, di cui 11 nello specchio. Dopo 17 giornate di Serie A, la Roma è la seconda squadra in Italia con più tiri verso la porta (285 di cui 83 nello specchio), la prima è l’Inter (292 di cui 115 nello specchio). Ciò che se ne ricava è la mancanza di precisione dovuta probabilmente a un reparto offensivo acerbo o che deve ancora prendere le misure con la Serie A.

VOTA La spalla ideale di Abraham

Qual è la spalla ideale di Abraham?

Il presupposto di Mourinho è di non mettere mai in panchina Tammy Abraham: voluto fortemente questa estate, è stato pagato 40 milioni. All’attivo ha solamente quattro reti in campionato, sei in Coppa e ben otto pali da inizio stagione. Lì davanti, dunque, si è ritagliato il posto di inamovibile e ad oggi la spalla migliore con cui si è relazionato è Zaniolo. Sempre titolare anche lui da Venezia in poi, ad esclusione del Genoa (panchina) e Spezia (squalificato e infortunato). In quei casi la Roma ha vinto entrambe le partite 2-0 e accanto ad Abraham hanno giocato prima Shomurodov (Genoa) e poi Mayoral (Spezia). Nelle partite in cui c'era Nicolò, invece, sono arrivate due sconfitte (Bologna e Inter, ma non c'era Abraham) e una vittoria (Torino). Insomma, al di là dei risultati, il giocatore con cui l'ex Chelsea sembra intendersi meglio è certamente Zaniolo che, però, deve ritrovare la forma migliore e giocare di più per la squadra accantonando gli individualismi. Mayoral si è ricavato un posto dopo l’ottima prestazione di Sofia, avversario modesto che gli ha dato la possibilità di mostrare alcuni numeri del suo repertorio, ma quando il livello si è alzato, come ieri contro lo Spezia, sono emerse le sue lacune e ha perso un'occasione d'oro per imporsi. Shomurodov ha giocato con Abraham nei match di Venezia e Genoa, ma non contro l'Inter perché l'inglese era squalificato.

Mourinho non è soddisfatto

Alla fine di quella partita Mourinho ha sentenziato: «Oggi avevamo un potenziale offensivo praticamente nullo, abbiamo avuto tre occasioni e non abbiamo segnato». Più chiaro di così. Ultima pedina Afena-Gyan, portato in Serie A dal portoghese dopo averlo visionato in Primavera. Il ghanese ha spaccato la partita contro il Genoa entrando a 15 minuti dalla fine e segnando due gol e con lo Spezia, grazie alle sue incursioni, ha esaltato il pubblico dell’Olimpico. A frenarlo è l'immaturità, l'espulsione per doppia ammonizione di ieri ha dimostrato quanto sia acerbo anche a livello mentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA