Roma, Juan Jesus distratto e impaurito: troppo brutto per essere vero

Roma, Juan Jesus distratto e impaurito: troppo brutto per essere vero
di Alessandro Angeloni
1 Minuto di Lettura
Domenica 23 Ottobre 2016, 23:05

Salvate il soldato Juan Jesus. Salvatelo prima che sia troppo tardi. Il ragazzo, si nota facilmente, è troppo distratto. Impaurito. Sembra inadeguato per certi livelli. Sembra, perché non possiamo pensare che lo sia davvero, visto che è costato dieci milioni di euro. Con quella cifra ci paghi un buon difensore, non uno scarso. Jesus non sarà un fenomeno, non lo era nemmeno all'Inter, ma di sicuro non può essere quello che stiamo vedendo in questo periodo. Non controlla le emozioni, non controlla nemmeno i palloni. Cade, si distrae. Qualche danno lo commette. Impossibile che sia così. Passerà. Magari Juan è uno di quei calciatori che improvvisamente ritrovano se stessi, proprio quando meno te lo aspetti. E' successo a Mexes, che a Roma non poteva più giocare dopo il primo anno vissuto con la tegola in testa del "caso Mexes" e proprio Spalletti all'epoca disse che l'aveva trovato sotto un treno; successe anche a Ferrari, altro rigenerato da Lucio in quell'annata magica per tanti calciatori. Erano ragazzi che certi valori tecnici non li avevano dimenticati, avevano solo bisogno di fiducia, di un click. All'improvviso. Auguriamoci, e soprattutto se lo augura Spalletti, che questo possa succedere pure a Juan Jesus. Un click. Prima o poi arriverà. Forse. Come Mexes, come Ferrari. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA