Roma, il mercato si chiude senza uscite: gli esuberi restano a Trigoria

Roma, il mercato si chiude senza uscite: gli esuberi restano a Trigoria
di Stefano Carina
3 Minuti di Lettura
Martedì 2 Febbraio 2021, 07:30

Nessuna sorpresa last-minute. Quello che doveva fare, in entrata, la Roma lo ha fatto con gli acquisti di El Shaarawy e Reynolds. Meno in uscita. Perché nelle intenzioni del club, almeno quattro calciatori dovevano essere ceduti in questa sessione invernale. Motivi diversi - Dzeko per incompatibilità con Fonseca, Fazio, Jesus e Santon per alleggerire il monte-ingaggi - ma finale in comune visto che sono rimasti tutti. Se per il bosniaco nelle prossime ore inizierà il riavvicinamento al tecnico, per gli altri si va avanti nell’anonimato. I tre difensori hanno sin qui racimolato appena 338 minuti in campionato che fotografa il loro status all’interno della rosa. L’argentino ha detto di no al Parma quando i due club avevano trovato un’intesa per un prestito con diritto di riscatto. La società del presidente Krause ha atteso una risposta del giocatore per almeno un paio di settimane prima di virare su Bani. Anche il brasiliano non ha voluto prendere in considerazione nessuna proposta mentre il laterale ha rifiutato le avance della Sampdoria e dello Spezia. Chi è stato vicino all’addio è Peres: il Benfica premeva per prenderlo già adesso. L’ex granata ha preferito invece attendere: a giugno si libererà a parametro zero e potrà strappare un contratto più vantaggioso. Nessuna proposta invece per Pastore che ha un contratto che lo lega alla Roma sino al 2022. Qualche sondaggio dalla Spagna per Carles Perez che però ha chiuso sul nascere all’ipotesi di tornare in patria. Operazioni minori: Felix Asena Gyan, il 18enne ghanese preso per la Primavera ha svolto le visite mediche e da oggi si aggregherà al gruppo di Alberto De Rossi. Insieme a lui, ci sarà anche il classe 2003 Benjamin Tahirovic, attaccante svedese (con origini bosniache) che arriva dal Vasalund. Capitolo Mkhitaryan: la Roma ha comunicato al giocatore di aver esercitato il diritto al rinnovo ma il giocatore per ora ha preso tempo. Il dottor Manara, intanto, resta in ospedale: positivo al Covid e sintomatico. Fonseca gli ha dedicato il successo contro il Verona.

COMUNICATO PER LA CONSOB
Zero cessioni per Pinto ma i conti migliorano. Ieri la Roma, su richiesta della Consob, ha pubblicato un comunicato relativo alla posizione finanziaria del club. L’indebitamento finanziario netto adjusted (rettificato da componenti di natura straordinaria) del Gruppo AS Roma è migliorato di una cinquantina di milioni (51,8), passando dai 299,7 dello scorso giugno ai 247,9 attuali. L’indebitamento netto adjusted della società, al 31 dicembre 2020, è invece pari a 253,4 milioni di euro, anch’esso in calo rispetto ai 300,2 registrati al bilancio relativo al termine della stagione 2019-20. In questo caso il decremento registrato è pari a 46,8 milioni e dovuto - come sottolineato nella nota ufficiale - «alla conversione integrale e irrevocabile del finanziamento soci in ‘Riserva Azionisti c/Aumento di capitale’, alla riduzione del finanziamento infragruppo verso Mediaco, alla riduzione dei debiti verso banche per finanziamenti bancari di breve periodo e a maggiori disponibilità liquide».

© RIPRODUZIONE RISERVATA