Roma, mezza squadra in scadenza: da Zaniolo a Zalewski: Pinto deve mettere le basi per la conferma della rosa

Per Matic, Smalling e Belotti ci sono già le opzioni per il prolungamento

Roma, mezza squadra in scadenza: da Zaniolo a Zalewski: Pinto deve mettere le basi per la conferma della rosa
di Stefano Carina
4 Minuti di Lettura
Domenica 25 Settembre 2022, 09:06 - Ultimo aggiornamento: 26 Settembre, 09:11

Da domani si torna a fare sul serio. E non solo per il tour de force che vedrà la Roma giocare 12 volte (8 in campionato, 4 in Europa League) in 44 giorni (media una partita ogni 3,6 giorni). A Trigoria si rivedrà anche il gm Pinto che, reduce da una settimana di riposo in Portogallo, inizierà ad occuparsi dei rinnovi. Non sono pochi quelli in scadenza nel 2024 (addirittura 7) ma ce n'è uno, datato 2025, che andrà affrontato quanto prima. È il caso di Zalewski che magari caso non è perché Nicola, cresciuto e lanciato dalla Roma, ha un debito di riconoscenza nei confronti del club che intende rispettare. Tuttavia già in estate il Borussia Dortmund e un paio di club inglesi avevano chiesto informazioni sul suo conto, allettati da uno stipendio che non raggiunge i 500mila euro. Blindarlo è l'obiettivo a stretto raggio.

Roma, Dybala ci crede: «Cresceremo, tornare protagonista mi ha aiutato. Arriveranno grandi cose»

Le grandi manovre, però, verteranno soprattutto sui rinnovi, scadenza 2024, di Zaniolo, Cristante, Spinazzola, Rui Patricio, aspettando che presenze e opzioni già inserite negli accordi sottoscritti questa estate, facciano il loro corso per Matic (il serbo ha firmato un contratto annuale con opzione per il 2023-24 al raggiungimento del 50% delle presenze, indipendentemente dal minutaggio: intesa scontata visto che la Roma usufruisce del decreto crescita) Smalling e Belotti (ha sottoscritto un annuale con opzione per altre due stagioni che scattano alla 20ª presenza).
AGENDA DA RIEMPIRE

Il lavoro di Pinto non sarà facile visto che dopo la sentenza Uefa il club, tra i parametri che dovrà rispettare per i prossimi 4 anni (per non incorrere in una multa di ulteriori 30 milioni, oltre ai 5 già versati), ha anche quello del monte-ingaggi. E rinnovare porta con sé implicitamente aumentare i costi. Per questo motivo, la situazione di El Shaarawy non sembra destinata al lieto fine. Al Faraone il contratto scade a giugno e l'idea è quella di risparmiare gli oltre 6 milioni al lordo per garantire aumenti ad altri elementi della rosa ritenuti più funzionali. Discorso analogo per Coric e Bianda, attualmente fuori rosa. Con Cristante che invece ha già raggiunto un'intesa (che sarà resa nota a breve) sino al 2027 (2,7 milioni più bonus per tagliare il traguardo dei 3), è chiaro che i riflettori sono tutti su Zaniolo. Un appuntamento in agenda ancora non è stato fissato. Probabile che l'agente del ragazzo possa incrociare Pinto sabato a Milano ma è a Trigoria, seduti attorno ad un tavolo, che inizierà la vera trattativa. Le parti tornano così a parlare di soldi. Non accade da gennaio quando nei pour-parler, l'idea era quella di adeguare l'attuale ingaggio di Nicolò (2,2 più bonus che nell'ultima stagione lo ha portato a guadagnare 2,4 milioni) intorno ai 3,5 milioni più benefit per toccare quota 4. Bypassando la telenovela estiva, ora più trascorre il tempo e più il calciatore ha potere contrattuale. Il discorso è sempre il solito: se Zaniolo vale per la Roma 50-60 milioni deve avere uno stipendio parametrato con il cartellino. E l'obiettivo del ragazzo, senza girarci troppo intorno, è guadagnare quanto i big della squadra (Abraham, Pellegrini e Dybala), ossia 6 milioni con una base fissa non inferiore ai 4. Non c'è fretta, per carità, massima disponibilità e nessuna voglia di alimentare polemiche attraverso i media. Ma perché la battuta di Pinto («Vi svelo che io e Vigorelli abbiamo un accordo per mandare il rinnovo di Zaniolo per le lunghe per permettervi di scrivere e raccontare») non si trasformi in un pericoloso boomerang, serve un passo in avanti.


SPINA ACCESA
Quello che per Smalling è stato già intrapreso. L'inglese aveva il contratto sino al 2023 ma non c'è stato bisogno di discutere il rinnovo. Esiste infatti, come nel caso di Matic e Belotti, una clausola di rinnovo automatico sino al 2024 che si attiverà dopo 20 presenze. Scadenza che ha già nel suo accordo Spinazzola per il quale ogni discorso sul rinnovo è stato messo in stand-by. A spiegare (indirettamente) il motivo ci ha pensato ieri in un podcast prodotto dal club giallorosso il laterale: «Questo infortunio è uno dei peggiori per un calciatore e soprattutto per uno con le mie caratteristiche. Mi manca l'appoggio, quando vado veloce devo andare sull'avampiede. Ci vuole tempo. Per questo ho chiesto anche al ct Mancini la cortesia di non convocarmi. Ha capito». E con lui, la Roma che d'intesa con il ragazzo vuole, prima di discutere di un eventuale prolungamento, verificare insieme il completo recupero.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA