Pau Lopez, quando nel rinvio c'è l'insicurezza di una squadra

Pau Lopez
di Alessandro Angeloni
3 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Febbraio 2020, 09:30 - Ultimo aggiornamento: 11:03

Se uno spagnolo, Carles Perez, va a letto felice e con il sorriso contagioso, un altro, Pau Lopez, riflette sulla sua prestazione, buona ma solo in parte e sul perché oggi risulti meno sicuro di ieri. Continua il suo momento (lungo) d’indecisione, soprattutto fuori dai pali. Non prende gol contro il Gent, molto per suoi meriti, seppur non facendo grandi parate, e un po’ per fortuna (tanti gli errori sotto porta degli avversari), ma ciò che dà più agli occhi sono le stecche che prende sul suo lato migliore, il gioco con i piedi, quindi la gestione del pallone. 

LEGGI ANCHE --> Roma, mezza rosa sott'osservazione: conferma in bilico

I TRENTA MILIONI
La Roma ci ha raccontato al momento del suo oneroso ingaggio (trenta milioni bonus compresi), e nessuno ne dubitava, che Pau fosse fortissimo nel palleggio, abile nel far partire l’azione, nel giocare con i compagni, quindi perfetto per il calcio di Fonseca, che ama «partire dal basso», oggi si usa tanto questa espressione. Invece questa, guardandolo nelle ultime gare, non sembra certo il suo punto di forza: al momento si distingue, a parte qualche errore grossolano (vedi il derby) nella gestione della palla tra i pali (vedi la splendida parata di Genova). Che succede, dunque? Nel calcio di Lopez c’è tutta l’insicurezza della squadra, che ha smesso di giocare, che non trova la soluzione per uscire dalla crisi e che soprattutto cerca spesso il passaggio all’indietro (sintomo di crisi psicologica e di involuzione tecnico-tattica), mendando in difficoltà il povero portiere spagnolo, che spesso perde il controllo del pallone. Nebuloso il calcio proposto dalla Roma in questa fase, nebulosa la reazione del numero 13, che del gruppo è una delle fotografie più rappresentative. 

LEGGI ANCHE --> Pau Lopez: la gaffe costa cara alla Roma, quasi come lui

Contro il Gent ha sbagliato appoggi facili, due volte ha regalato il pallone agli avversari, due li ha mandati fuori. Ciò che caratterizza un portiere bravo, al di là dell’aspetto tecnico, è trasmettere sicurezza alla squadra, alla sua linea. Questo non succede: la squadra perde certezze, gli scarica il pallone addosso e lui, gira che ti rigira, sbaglia. L’indecisione e la paura lo portano a deragliare anche nelle uscire facili, ad esempio quando nel finale si fa sfuggire una palla banale tra le mani e per poco non finisce in frittata. I numeri in questo momento non gli danno ragione. I ben 32 gol incassati in campionato (più di tutte le big, più del Verona, più del Parma, ad esempio) fanno della difesa della Roma una delle più perforate Nell’unica partita che ha saltato, Inter-Roma, Mirante non ha preso gol. I clean sheet di Pau sono solo 4 nelle ventitré giocate in campionato. In Europa ha preso cinque reti in sei presenze, restando imbattuto due volte con i turchi del Basaksehir e ieri con il Genk. Pau(ra) Lopez. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA