Roma: Fonseca: «Smalling non recupera per l'Ajax, ok Micki. Il mio futuro? Penso al presente»

Sabato 10 Aprile 2021 di Gianluca Lengua
Roma: Fonseca: «Smalling non recupera per l'Ajax, ok Micki. Il mio futuro? Penso al presente»

Paulo Fonseca ha accantonato la vittoria in Europa League e pensa al Bologna, prossima avversaria della Roma in campionato. Il tecnico ha svelato che Smalling è ancora in fase di recupero, più avanti Mickitaryan: «Ho visto tanti infortuni, è un calendario congestionato con tante partite. È un problema di cui dobbiamo parlare, ne parla Guardiola sempre e ha detto che i giocatori non sono macchine». Ecco la conferenza stampa del tecnico. 

La differenza tra campionato ed Europa League. «Sono due competizioni diverse. Noi siamo stati per quasi tutta la stagione i primi quattro della classifica. Poi sono mancati tanti giocatori importanti. La Serie A è una competizione lunga con tante partite, l’Europa League ha la fase dei gruppi e poi ci sono le eliminatorie. La verità è che quando c’è una competizione lunga si può sbagliare di più e se non c’è il giocatore importante è troppo difficile». 

Integrare lo staff con un conoscitore del calcio italiano. « Non ci ho mai pensato»

 

Video

La mentalità. «I giocatori capiscono che la prossima partita è sempre la più importante. Adesso devono capire che è importantissimo battere il domani il Bologna». 

Le parole di Sabatini. «Non visto l’intervista e non commento quello che non ho visto».

Il futuro. «Il mio futuro non è importante. Sono focalizzato sul presente, è importante la Roma». 

La gestione di Veretout e Mkhitaryan. «Sarà difficile avere Smalling per l’Ajax, Micki si è allenato oggi con la squadra e domani non giocherà dall’inizio. Veretout ha giocato parte della partita con l’Ajax, vedremo domani».

Video

 

Pastore. «È stato fermo tanto tempo, io ho già parlato con lui. Penso che debba tornare a giocare nel tempo e contesto giusto. Lui sa quello che penso».

Gli infortuni muscolari al flessore. «Non è un problema solo della Roma, ma delle squadre che giocano tante partite e hanno i calciatori in Nazionale. Quello che succede alla Roma succede in tanti altri club. Ho visto tanti infortuni, è un calendario congestionato con tante partite. È un problema di cui dobbiamo parlare, ne parla Guardiola sempre e ha detto che i giocatori non sono macchine». 

Puntare sull’Europa. «La partita più importante è il Bologna, bisogna sempre pensare che la prossima partita è la più importante». 

I giovani. «È un problema culturale e di necessità. Non si può dimenticare che la Serie A è uno dei campionati più forti e importanti del mondo. In Portogallo sono obbligati a formare i giovani perché non hanno il potere economico. Qui è diverso, in Italia c’è più potere economico. A Roma abbiamo Kumbulla, Calafiori, Mancini, Villar, ci sono molti giovani». 

Il Bologna. «Sarà difficile, ma siamo focalizzati su tutta la squadra e non solo su un giocatore. Hanno giocatori di qualità e pensiamo a tutti». 

Santon e Reynolds. «Sono convocati e pronti per giocare. Vedremo domani». 

Spinazzola. «Non ci sarà domani».

Ultimo aggiornamento: 15:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA