Roma, Fonseca: «Non facciamo calcoli, scendiamo in campo per vincere. Kalinic giocherà»

Mercoledì 2 Ottobre 2019 di Gianluca Lengua

Domani Paulo Fonseca disputerà la sua seconda gara di Europa League contro il gli austriaci del Wolfsberger: «Quello che conta per noi è la prossima partita, scenderemo in campo con l’ambizione di vincere e senza guardare troppo avanti e fare conti». Annunciato l’impiego di Kalinic dal primo minuto, fuori Dzeko e Kolarov. Ecco la conferenza stampa integrale del tecnico. 
 
L’avversario. «Ci aspettiamo una partita difficile contro un avversario che ha vinto la partita d’esordio contro i tedeschi. È una squadra molto aggressiva, forte e temibile in contropiede». 
 
Kalinic. «Non vi rivelerò se giocherà o meno. È una possibilità, anche perché Dzeko e Kolarov hanno bisogno di tirare il fiato». 
 
L’assenza di Pellegrini e Mkhitaryan. «Quello che conta per noi è la prossima partita, scenderemo in campo con l’ambizione di vincere, senza guardare troppo avanti e fare conti. Non ci sono Pellegrini e Mkhitaryan, ma ci sono altri calciatori che godono della mia piena fiducia». 
 
L’infortunio di Mkhitaryan. «Già lamentava un fastidio all’adduttore. Chiaramente con questo alto numero di partite ravvicinate era chiaro che in qualche modo potesse avere qualche fastidio. Contro l’Atalanta lo abbiamo tenuto fuori, poi stava bene e con il Lecce ha avuto un risentimento».
 
Zappacosta. «Farò una concessione perché ho detto chiaramente che Dzeko e Kolarov tireranno il fiato, quindi Kalinic giocherà. Zappacosta sta migliorando e non è in grado di sostenere una partita intera». 
 
Test fisico. «È curiosa questa domanda, perché qualche giocatore mi ha chiesto se giocassimo contro l’Atalanta d’Austria. È una squadra fisica e ho preparato il match tendendo conto di questi aspetti, ossia la loro presenza nei duelli fisici».  
 
Il Wolfsberger. «Oggi giorno esiste una vasta gamma di strumenti per vedere le partite quindi non è necessario vederle in diretta. Noi abbiamo visto diverse partite come facciamo abitualmente. Abbiamo preparato la nostra strategia per superare l’avversario. Sono rimasto colpito positivamente dal valore della squadra, al momento del sorteggio qualche osservatore lo ha sottovalutato. Ha dimostrato di essere una formazione forte e lo ha dimostrato anche nella vittoria contro il Borussia Moncheclabach». 
 
I centrali. «La questione dei centrali e simile ai centrocampisti centrali. Mi concentro solo sulla prossima partita, non ragiono sulle coppie fisse, scelgo chi sta meglio. Smalling sta bene, ha dimostrato di essere a buon livello ma può  migliorare e mi riferisco al posizionamento sulla linea difensiva. Questo lo porterà ad essere a suo agio con i compagni». 
 
 

Ultimo aggiornamento: 19:43


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma