ROMA

Roma, Florenzi saluta e va al Valencia: nuova plusvalenza

Mercoledì 29 Gennaio 2020 di Stefano Carina
1
Florenzi
La Roma si appresta a salutare il terzo capitano in sei mesi. Probabilmente uno dei meno amati, nemmeno paragonabile a quello che hanno rappresentato Totti e De Rossi. Florenzi è pronto a congedarsi dopo 18 anni in giallorosso, interrotti soltanto da una stagione (2011-12) al Crotone. L’intesa con il Valencia è in dirittura d’arrivo e adesso sembra più chiaro perché il club andaluso nei giorni scorsi ha dato il via libera sul centrocampista Villar, per il quale deteneva un diritto di prelazione irrisorio dall’Elche. Il semaforo verde sul classe ‘98 era propedeutico all’acquisto di Florenzi. Una cessione che fa rumore ma che non sorprende più di tanto. Il laterale di Vitinia non ha mai legato con Fonseca, finendo per due mesi ai margini del progetto tecnico. Poi l’infortunio di Santon e la possibile cessione di Spinazzola (saltata in extremis) gli hanno regalato nuovamente un posto da titolare. Che è durato poco. Alla prima possibilità di cederlo, la Roma non ci ha pensato minimamente. Ha convocato l’agente Lucci in sede e in poche ore ha ottenuto l’ok. Entrambe le parti hanno convenuto che fosse arrivato il momento di salutarsi. Florenzi perché non è mai entrato nelle grazie dell’allenatore lusitano e teme di perdere gli Europei a giugno. Il club perché cedendolo si libera di un ingaggio pesante (3,2 milioni netti, quasi 7 lordi) e incassa una quindicina di milioni che rappresenteranno una plusvalenza netta, essendo Alessandro un prodotto del vivaio. La cessione, al netto di limature sui costi, ormai è a un passo. L’ultimo nodo è legato alle condizioni per far scattare l’obbligo di riscatto sul quale il Valencia è d’accordo. Petrachi lo vuole collegato alle presenze mentre il club andaluso intende invece unirlo alla qualificazione alla prossima Champions. Divergenza che non corrisponde a un cruccio della società spagnola ma ad una necessità, visto che attualmente non dispone di una grande liquidità finanziaria che gli verrebbe invece garantita dall’Europa che conta. L’agente del ragazzo è volato nella serata di ieri a Valencia per trovare una soluzione. A livello numerico, con il rientro di Zappacosta a metà febbraio più Santon e Bruno Peres, Fonseca è coperto. Se il portoghese non fosse convinto, fari puntati su Christie del Fulham, nazionale irlandese. L’alternativa è Faraoni del Verona. 

ASSE SPAGNOLO 
Per un addio, la Roma è pronta ad accogliere altri due arrivi. Si tratta di due ragazzi spagnoli, entrambi classe ‘98. Il primo è Villar, sbarcato ieri sera. L’altro è Carles Perez, atteso oggi. Sull’attaccante - costo 12,5 milioni - proveniente dalla cantera del Barcellona, il club azulgrana mantiene un diritto di prelazione in caso di futura cessione. I due spagnoli si sommano al brasiliano Ibanez, anche lui 21enne, a conferma della linea giovane intrapresa da Petrachi. Che però, in quest’ultime ore di mercato, aveva pensato anche ad un colpo ad effetto valutando il profilo di Pedro, in uscita dal Chelsea (ha il contratto in scadenza a giugno). Il ds ha chiesto se fosse possibile svincolarlo con 6 mesi d’anticipo: alla risposta negativa, anche i discorsi relativi all’alto ingaggio da limare (5 milioni) sono venuti meno sul nascere. 

ALTRE USCITE 
In uscita sono intanto ore calde per Jesus: Fiorentina e Cagliari in attesa. Se non dovesse materializzarsi l’addio, a Trigoria potrebbero vedersi costretti a cedere in prestito Cetin. Dopo il Galatasaray e il Verona, anche il Lecce s’è fatto avanti per il turco. Fonseca una settimana fa aveva chiuso alla possibilità ma davanti ad un overbooking in difesa potrebbe cambiare idea. Nzonzi sta trattando l’ingaggio con il Rennes e ha un’offerta dal Guangzhou. Giro di portieri in arrivo: Olsen, ora al Cagliari, è richiesto dal Parma (che ha messo nel mirino anche Radu). Fuzato vuole andare a giocare e ha un accordo con il Vitoria Setubal. Serve però l’ok di Fonseca, preoccupato dalle condizioni di Mirante (che convive con un problema alla spalla). Se il tecnico acconsente, individuato Rafael come sostituto del brasiliano che a quel punto bloccherebbe Olsen in Sardegna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani