Roma, Diawara: «Proverò a fare meglio di Nainggolan, Strootman e De Rossi»

Lunedì 22 Luglio 2019 di Gianluca Lengua
Diawara

Il nuovo acquisto della Roma Amadou Diawara si presenta in conferenza stampa: «Sono arrivato motivato e sono in una grandissima squadra. L’obiettivo? Fare meglio di Strootman, Nainggolan e De Rossi ed entrare in Champions». Ecco le parole del centrocampista. 

Il centrocampo. «Sono abituato a giocare nel centrocampo a tre. Sono iun giocatore che si adatta, l’importante è fare quello che chiede l’allenatore e aiutare la squadra».

La condizione fisica. «Ho tagliato le vacanze per tornare prima, conoscere i nuovi compagni e l’allenatore. Adesso sto molto bene e penso di riuscire a stare al meglio già per l’allenamento di oggi».

L’obiettivo minimo della Roma. «Andare in Champions. Dobbiamo fare di tutto per riuscirci».

Differenze tra Napoli e Roma. «Sono entrambe grandi squadre, ma penso che quest’anno potremo fare una grande stagione». 

Roma punto d’arrivo. «Sono arrivato motivato e sono venuto in una grandissima squadra. Non lascerò mai nulla e darò tutto per aiutare la squadra ad arrivare dove merita». 

Cosa non ha funzionato al Napoli. «Non sono venuto prima alla Roma perché era la volontà di Dio. Ora l’importante è che sono qui e voglio fare bene». 

Fonseca. «Vedendo le squadre che ha allenato so che per lui il centrocampo è molto importante perché vuole uscire palla al piede. Quando mi ha chiamato è stata un’emozione e sono onorato di essere allenato da lui». 

La trattativa. «A prescindere da Manolas al Napoli sarei arrivato la stesso. Ringrazio tutti per la fiducia e spero di ripagarla al meglio».

I tifosi della Roma. «Già sono venuto all’Olimpico e ho visto i tifosi. Posso solo dirgli che darò il massimo in allenamento e in partita per dargli soddisfazioni».

Similitudini con Kantè. «Lui è un giocatore di altissimo livello e non posso dire che gli assomiglio. Il mio idolo è stato sempre Tourè, gli altri sono giocatori di grandi livello ma io mi rivedo in lui».

L’eredità di Nainggolan, Strootman e De Rossi. «Loro sono giocatori forti, li ho visti giocare e mi hanno messo molto in difficoltà. Sono giovane e spero di dare il massimo in allenamento per fare quello che hanno fatto qui e magari superarli».

Ultimo aggiornamento: 21:22


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma