Il Toro debutta in scioltezza: il Debrecen si arrende 3-0

Giovedì 25 Luglio 2019 di Alberto Mauro
L'esultanza di Belotti dopo il gol che sblocca la gara
La formalità Debrecen – modesta formazione ungherese – rischia di complicarsi causa fattori secondari quali una preparazione appena abbozzata, i 35 gradi di Alessandria e il debutto in Europa di ben cinque titolari (Bremer, Izzo, Berenguer, Baselli e Belotti). Ma dopo aver fatto di tutto per conquistare l’Europa League nella scorsa stagione il Torino non sbaglia il match point, ipotecando il passaggio del turno con una vittoria senza storia 3-0 nell’andata dei preliminari. Belotti – su rigore – e Ansaldi nel primo tempo, Zaza nel recupero della ripresa chiude un match a senso unico giocato quasi solo metà metà del campo del Debrecen, formazione giovane e senza pretese. Il Gallo battezza il suo esordio europeo con il rigore del vantaggio, Ansaldi infila Nagy con un missile da posizione defilatissima, il divario di condizioni fisica (il Debrecen ha iniziato a lavorare più di un mese fa) viene riequilibrato dallo strapotere tecnico/tattico dei granata, affamati d’Europa dopo più di quattro anni d’astinenza.

Da segnalare uno striscione dei tifosi granata per l’ex allenatore Sinisa Mihajlovic. Baselli e compagni giocano in scioltezza e senza forzare più di tanto si ritrovano in vantaggio di due gol all’intervallo. Nella ripresa caldo e stanchezza abbassano forzatamente il ritmo, ma il Toro continua gestire con attenzione, rischiando pochissimo e sfiorando il tris con un palo Berenguer deviato alla disperata da Nagy, dopo una sponda intelligente di Falqué (uscito per una botta alla caviglia da valutare). Entrano Lukic e Zaza, che sfiora il 3-0 in un paio di occasioni, e poi trova il guizzo sotto misura che chiude la pratica: per l’Europa League manca soltanto l’ultimo passo, in Ungheria. Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 10:45


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma