La Roma ingrana la terza a Verona: 4-0, primo gol giallorosso per Giugliano

Sabato 19 Ottobre 2019 di Giuseppe Mustica
L'esultanza di Elisa Bartoli dopo il gol al Verona
Che Roma! Terza vittoria consecutiva per le giallorosse (seconda in trasferta) che vanno a vincere 0-4 a Verona infliggendo anche la prima sconfitta stagionale alla compagine di Bonazzoli. Ha azzeccato tutto Betty Bavagnoli: dal sistema di gioco iniziale alle scelte fatte su chi mandare in campo. E la sua squadra ha risposto alla grande mostrando quella personalità che serve in questi casi contro un avversario sicuramente non semplice da affrontare. Nota di merito anche per Ceasar che colleziona il terzo clean sheet di fila.

PARTENZA SHOW E RISULTATO IN CASSAFORTE
Poteva sicuramente cambiare qualcosa se al 2’ il Verona fosse riuscito a portarsi in vantaggio con l’occasione capitata sui piedi di Solow sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ma la conclusione del difensore centrale veronese è alta. E’ lo sliding doors della partita perché passa solamente un minuto e capitan Bartoli porta avanti la Roma. Calcio d’angolo battuto da Giugliano, errore di Forcinella e per la numero 13 giallorossa è un gioco da ragazzi spingere il pallone in rete. La Roma non si accontenta e anzi spinge forte per chiudere subito la contesa. Il raddoppio arriva al minuto undici con la prodezza di Manuela Giugliano: bolide dai 25 metri e palla che si spegne all’incrocio dei pali. Il primo gol in maglia giallorossa per la centrocampista azzurra è da ricordare. Il doppio vantaggio potrebbe far diminuire l’intensità ma è qui che la Roma dimostra di crescere visto che non abbassa mai i ritmi, facendo girare palla con una discreta velocità e soprattutto non forzando mai l’azione. Il terzo gol è il naturale risultato a quello che si vede in campo. Questa volta è una ripartenza fulminante orchestrata dal tridente offensivo: palla in profondità di Serturini per Thomas che pesca Bonfantini sul secondo palo. 0-3 e partita chiusa.

PRIMO GOL PER THERSTRUP
Nella ripresa poche emozioni. Giugliano prende in mano la squadra dettando i tempi della manovra. Bavagnoli sposta Thomas a destra inserendo Therstrup come riferimento centrale. E la giocatrice danese ripaga la fiducia del proprio tecnico siglando il gol del definitivo 4-0 con un tocco sottomisura su assist di Erzen. I tifosi che hanno seguito in trasferta le giallorosse non possono che essere soddisfatti. Secondo posto confermato in coabitazione con la Fiorentina. Ma la sensazione è che questa Roma potrà dire la sua fino alla fine del campionato puntando decisamente a qualcosa d’importante. Il messaggio lanciato oggi è chiaro: per lo scudetto ci siamo anche noi.

GLI ALTRI RISULTATI
Il Milan (2-0) rimane a punteggio pieno, volando da solo in testa alla classifica, in attesa del big match di domani tra Inter e Juve. Non è stato semplice per le ragazze di Maurizio Ganz sbarazzarsi del Tavagnacco che, nonostante l’inferiorità numerica, è riuscito a rimanere in partita fino al 92’, quando Carissimi ha chiuso la contesa. Ad aprire le marcature era stato la solita Valentina Giacinti nel primo tempo. Poi diverse occasioni ma risultato è rimasto in bilico fino alla fine. Poco male per le rossonere che continuano il proprio viatico macinando risultati. La partita più equilibrata della giornata non ha tradito le attese. Sassuolo e Fiorentina (1-2) hanno fatto tutto negli ultimi dieci minuti. All’80’ vantaggio delle padroni di casa con Cambiaghi. Poi ci ha pensato il numero 10 viola Bonetti a riportare tutto in parità. Finita? Ma no. Arnth in pieno recupero regala i tre punti alla Fiorentina che non si stacca dalla Roma e conquista la seconda vittoria consecutiva. Prima vittoria in campionato per la Florentia: 3-2 sul Bari. La partita ha un avvio scoppiettante. Al primo minuto Kelly e Novellino firmano un botta e risposta incredibile. Ci pensa però bomber Martinovic a regalare i tre punti con una doppietta a cavallo tra il 19’ e il 29’ del primo tempo. Il gol di Card rende meno amaro il passivo per la Pink. Anche l’Empoli centra la prima storica vittoria nella massima serie. E lo fa con una prova maiuscola contro l’Orobica. 4-1 il finale con reti di Simonetti, Cinotti, Acuti e Petrkova. Il gol della bandiera per le bergamasche lo sigla Merli. Ultimo aggiornamento: 18:13


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma