Reina colpito da una monetina, Daspo di 5 anni a tre ultrà dell'Atalanta

Reina colpito da una monetina, daspo di 5 anni a tre ultrà dell'Atalanta
di Daniele Magliochetti
2 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Novembre 2021, 20:42 - Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 08:43

La Questura di Bergamo ha individuato i responsabili del lancio di oggetti, tra cui una monetina, che ha colpito in testa il portiere Pepe Reina durante Atalanta-Lazio. Il questore di Bergamo Maurizio Auriemma ha già disposto e firmato il provvedimento di Daspo per 5 anni ai tre responsabili, due sono incensurati, mentre uno era già stato colpito da Daspo nel 2018 a Parma e riabilitato nel 2019. Ma la questura, attraverso le telecamere del Gewiss Stadium e con l'aiuto dell'Atalanta, va avanti con le indagini, anche perché, visto che gli oggetti lanciati in campo era tanti e il tutto è durato per diversi minuti, si presume che ci possano essere altri provvedimenti a breve.

 

LA REAZIONE DELL'ATALANTA

Il portiere della Lazio Reina, nonostantre fosse leggermente ferito alla testa per via di una monetina arrivata dagli spalti, dopo un leggero stordimento, ha ripreso a giocare e la partita si è conclusa. L'Atalanta, che ha condannato il gesto pur senza menzionare la sportività del biancoceleste, una volta appresi i provvedimenti nei confronti dei responsabili, ha diramato un altro comunicato nella giornata odierna: «A seguito di individuazione da parte della questura di Bergamo dei soggetti autori del lancio di oggetti in occasione dell'incontro Atalanta-Lazio, si attiverà affinché siano applicati immediatamente i provvedimenti di inibizione all'impianto nei termini che verranno definiti dalle Autorità competenti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA