Qatar 2022, la guida alle squadre: l'Olanda

Qatar 2022, la guida alle squadre: l'Olanda
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Novembre 2022, 18:30 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 13:50

L’Olanda, outsider di lusso a Qatar 2022, è reduce dalla delusione dei Mondiali 2018 ai quali non riuscì a qualificarsi. Escluse le colonne portanti van Gaal e Blind, è una nazionale che in rosa non ha più nessuno dei giocatori che sfiorarono la finale in Brasile nel 2014. Il cammino verso il torneo nell’emirato è stato entusiasmante: prima la vittoria del girone di qualificazione (23 punti davanti a Turchia e Norvegia, 33 gol realizzati e solo 8 incassati) e poi quella in Nations League (16 punti davanti a Belgio e Polonia, 14 gol realizzati e solo 6 incassati).

I convocati

Portieri: Justin Bijlow (Feyenoord), Andries Noppert (Heerenveen), Remko Pasveer (Ajax)
 

Difensori: Virgil van Dijk (Liverpool), Nathan Aké (Manchester City), Daley Blind (Ajax), Jurrien Timber (Ajax), Denzel Dumfries (Inter), Stefan de Vrij (Inter), Matthijs de Ligt (Bayern Monaco), Tyrell Malacia (Manchester United), Jeremie Frimpong (Bayer Leverkusen).
 

Centrocampisti: Frenkie de Jong (Barcellona), Steven Berghuis (Ajax),Davy Klaassen (Ajax), Teun Koopmeiners (Atalanta), Marten de Roon (Atalanta), Kenneth Taylor (Ajax), Xavi Simons (PSV Eindhoven)
 

Attaccanti: Memphis Depay (Barcellona), Steven Bergwijn (Ajax), Vincent Janssen (Anversa), Luuk de Jong (PSV Eindhoven), Noa Lang (Club Brugge), Wout Weghorst (Besiktas)

L’allenatore

«Non siamo il gruppo che ha i migliori giocatori del Mondiale ma credo nella tattica, nel lavoro di squadra e nell'immaginazione e per questo ragioni dico che saremo campioni del mondo»: Louis van Gaal non ha dubbi. Al timone della nazionale per la terza volta in carriera, sente che finalmente è arrivato il momento degli oranje. Il 71enne, nato ad Amsterdam, stavolta proverà ad andare fino in fondo con un nuovo modulo: il 3-5-2 che si trasforma in 3-4-1-2. «Più alleno e più lo amo. Puoi attaccare e difendere con la stessa efficacia, puoi pressare l’avversario ovunque e con i tre centrali si rischia di meno sulle transizioni avversarie». Un’eresia nella terra del 4-3-3 che scopriremo presto se si rivelerà vincente.

La stella

Virgil van Dijk, nonostante l’attenzione mediatica del 2019 per la sua corsa al Pallone d’oro sia ormai lontana, resta un giocatore chiave della Nazionale: leader intramontabile in campo e nello spogliatoio.

Undici titolare

Pasveer; Timber, Aké, van Dijk; Dumfries, Koopmeiners, De Jong, Blind; Gakpo; Bergwijn, Depay.

© RIPRODUZIONE RISERVATA