JUVENTUS

Psg, la Coppa di Lega arriva ai rigori: 6-5 sul Lione

Sabato 1 Agosto 2020 di Giuseppe Mustica
L’ultima Coppa di Lega della storia francese la vince il Paris Saint Germain battendo ai rigori 6-5 il Lione (0-0). Nulla da fare per la squadra di Garcia, che sperava nella vittoria anche per guadagnarsi l’accesso alla prossima Europa League. Ma niente, dopo oltre 20 anni, il Lione non giocherà in Europa nella prossima stagione. Tuchel invece, almeno in patria, ha portato a casa tutti i trofei possibili: dalla Ligue1, passando dalla Supercoppa alla Coppa di Francia, finendo con la vittoria di stasera. E adesso pensa al confronto con l’Atalanta.

GASP E SARRI: SI PUO’
La sensazione è che sia l’Atalanta che la Juventus possono giocarsi tranquillamente il passaggio del turno. E se per i bianconeri questa cosa è più scontata, non lo sarebbe forse in altri momenti per la Dea. Ma Psg e Lione pagano a caro prezzo il fatto di non scendere in campo per partite ufficiali da marzo, cioè da quando in Francia si è deciso per lo stop al campionato. E questo si nota chiaramente, con due squadre in affanno sin dalla metà del primo tempo che non riescono mai a cambiare passo o a trovare la giocata giusto. L’unico in serata è apparso Verratti, sempre lucido sia in fase di costruzione che d’interdizione. Anche Neymar, che ha ingaggiato con Lopes un duello vinto dal portiere del Lione, è in un buono stato di salute fisica e mentale: ma troppo poco per fare la differenza. Dall’altro lato l’ex tecnico della Roma Rudi Garcia ha cercato soprattutto di non prenderle per poi affidarsi al genio di Depay. Il 3-5-2 confezionato dal francese ha dato i suoi frutti perché il Psg, tranne che con delle conclusioni da fuori, non si è mai davvero reso pericoloso. E questo potrebbe essere un buon vantaggio visto che a Torino, il Lione, può anche giocare per il pari dopo l’1-0 dell’andata. Ma la Juve, nonostante tutti i problemi mostrati fino al momento, ha tutte le carte in regola per battere la squadra vista al Parco dei Principi.
 
TUCHEL IN ANSIA
Dopo Mbappè nella finale della settimana scorsa contro il Saint’Etienne, Tuchel stasera ha dovuto sostituire Icardi, Kurzawa e Thiago Silva per fastidi muscolari. Non sono sembrati a primo impatto problemi irrisolvibili – mancano 12 giorni alla final eigh di Lisbona – ma le condizioni dei tre saranno valutate nei prossimi giorni. Sarebbe un colpo pesantissimo in questo caso per il tecnico tedesco dover rinunciare a tutti. Anche se Icardi, già prima dell’uscita del campo, non aveva fatto vedere nulla che potesse creare grattacapi alla squadra di Gasperini. Ed è la seconda uscita a vuoto, dopo quella della settimana scorsa, dell’attaccante argentino.  Ultimo aggiornamento: 00:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA