Il Fiumicino supera il Grifone e resta sulla scia della capolista Cerveteri

Domenica 12 Gennaio 2020 di Umberto Serenelli
Luca Di Meglio inseguito dai compagni dopo il primo gol

Al termine di un match molto combattuto il Fiumicino prevale sulla ben disposta Grifone Gialloverde (2-1) e resta l’unica squadra in grado di insidiare il primato al Città di Cerveteri a sole due lunghezze. Nel girone A del campionato di Promozione il discorso per il salto di categoria sta diventando un testa a testa tra le contendenti poiché ora sono sei i punti che separano il Tolfa Calcio, terza della classificata, al Fiumicino.

PRIMO TEMPO A RETI INVIOLATE
La prima frazione di gioco è avara di spunti di grosso rilievo e molto probabilmente la posta in palio ha condizionato il confronto tra i 22 giocatori in campo. Ai punti i padroni di casa avrebbero meritato il vantaggio se non si fossero imbattuti nella bravura del portiere Pensa. Al quarto d’ora, infatti, l’estremo difensore dei romani si produce in provvidenziale volo plastico, su micidiale diagonale di Parini, deviando in angolo la sfera e strozzando in gola l’urlo del gol agli accorsi sulle gradinate del “Pietro Desideri“. Al 35’, la risposta ospite con Martino che in mezzo a due difensori riesce a concludere debolmente tra le braccia di Molon. Prima del riposo gli ospiti osano di più senza però impensierire l’attenta retroguardia locale.

DI MEGLIO E DE NICOLO IN GOL
La ripresa si apre con un beffardo tiro dal limite di Manganelli che costringe Molon a una deviazione in angolo. Lo scampato pericolo mette le ali all’azione dei rossoblù che alzano il baricentro della loro azione. Questo porta Murzi a commettere un fallo in area per bloccare l’avanzata di Clementucci. Dal dischetto lo specialista Di Meglio trasforma portando in vantaggio i tirrenici. Non trascorre molto e De Nicolo raddoppia su assist di Clementucci. Il Grifone non ci sta e cerca con insistenza la via della rete che ottiene, al 33’, con una girata ravvicina di Murzi, intercettata da Molon, ma che finisce comunque in fondo al sacco. Il match si chiude con gli ospiti in avanti e nel vano tentativo di riequilibrare le sorti ma il pacchetto arretrato del Fiumicino non si fa sorprendere.

FORMAZIONE
Fiumicino 1926: Molon, Reale A., De Franco, De Maio, Giacinti, Parini (45’ st Munaretto), De Nicolo, Clementucci (40’ st Reale M.), Di Meglio (40’ st Cordova), Trimeliti (30’ st Benedetti). A disp. Gattella, Rasseni, Camanni, Di Fiandra, Centi. All. Di Ruocco.
Grifone Gialloverde: Pensa (30’ st Buttari), Lori, Capra, Loscalzo, Mancini, Moscetta (45’ pt Manganelli), Cesaro (30’ st Deirossi), Martino L. Martino D. (10’ st Conti), Corrias, Murzi. A disp. Spadano, Carruba, Spampinato, Coi, Durante. All. Berruti.
Arbitro: Minniti di Latina
Guardalinee: Ciccarelli di Tivoli e Gentiletti di Civitavecchia
Reti: 18’ st Di Meglio (rig.), 23’ De Nicolo, 33’ Murzi
Espulsi: 42’ st Benedetti, 46’ Mancini
Note: spettatori 400 circa. Ammoniti: Parini, Trimeliti, Lori, Cesaro, De Nicolo, Murzi. Angoli 7 a 5 per il Grifone.




© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma