CORONAVIRUS

Premier, Jonshon dà l'ok alla ripartenza del campionato. Si ricomincia a fine giugno

Domenica 17 Maggio 2020 di Giuseppe Mustica
Il progetto "restart" della Premier League potrebbe subito uno slittamento di almeno due settimane. Sono queste le ultime indiscrezioni che arrivano dall'Inghilterra in vista dell'ennesima riunione di domani tra i club che dovranno prendere una decisione definitiva sul ritorno in campo. Dall'1 giugno, ricordiamo, Boris Jonshon ha dato il via libera per il ritorno in campo, ma un accordo è ancora in alto mare.

MEDICI E CALCIATORI PREOCCUPATI

Il nodo è tutto nelle preoccupazioni che medici e calciatori hanno espresso nel corso di queste ultime settimane. Ci sono delle vedute diverse sul protocollo sanitario da adottare. E questo allungamento di due settimane (si potrebbe seguire la Liga, che potrebbe scendere in campo a fine giugno) è stato pensato proprio per dare una maggiore tranquillità a chi è reticente. Anche alcuni allenatori avrebbero chiesto del tempo maggiore per riuscire a recuperare la miglior forma fisica dei propri calciatori. Ed ecco che la fatidica data del 12 giugno potrebbe non essere più quella buona.

DOMANI INCONTRO DECISIVO

La cosa certa è che domani arriverà una decisione. Il "brodo" non si può più allungare. Lo sanno i club e anche i tesserati, che trascinati ieri dalla ripresa della Bundesliga, stanno mettendo da parte le maggiori preoccupazioni. Certo, molti ancora hanno dubbi anche sul fatto delle partite a porte chiuse, ma è evidente che questo sia il male minore.  Ultimo aggiornamento: 15:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani