Perché i giocatori del Marocco si sono inginocchiati dopo la vittoria contro il Belgio

Il Marocco è ora al comando del girone che comprende Croazia e Canada

Perché i giocatori del Marocco si sono inginocchiati dopo la vittoria contro il Belgio
3 Minuti di Lettura
Domenica 27 Novembre 2022, 16:09 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 11:44

Festeggiano con una preghiera ad Allah la vittoria contro il Belgio i giocatori del Marocco. Allo stadio 'Al Thumana' di Doha, nella seconda giornata della fase a gironi del Mondiale in Qatar, finisce 2-0. Un'impresa. Il Marocco è ora al comando del girone che comprende Croazia e Canada.

La partita

Occasione già dal 5' per Batshuayi che si libera in area e tira, tentativo fermato dal portiere africano Munir. Al 19' tocca al Marocco con Ziyech ma la palla va alle stelle, poco dopo Courtois sventa un tentativo di En-Nesyri. Al 34' grande allungo di Hakimi che tira in corsa verso la porta belga, la palla è alta sulla traversa. Stallo fino al secondo minuto di recupero dopo una punizione assegnata al Marocco da fuori area, il cross tagliato di Ziyech sorprende Courtois: il ricorso al Var evidenzia un fuorigioco e annulla il vantaggio.

Belgio-Marocco 0-2, Aboukhlal e Sabiri beffano Courtois trascinando i marocchini alla vittoria

Lukaku non basta

Nella ripresa al 65' brutto momento per il Marocco: Mertens calcia forte verso la sinistra, Munir interviene con entrambe le mani e respinge la conclusione. Neanche la ribattuta di Batshuayi riesce a mettere la palla in rete. Al 72' finalmente lo sblocco del Marocco con Sabiri, entrato da meno di 5 minuti, su una punizione angolatissima dal lato sinistro. Intorno all'80' entra in campo Lukaku, nel tentativo belga di ribaltare la partita. In campo c'è anche De Ketelaere. La parola finale la mette Aboukhlal su assist di Ziyech nel terzo minuto di recupero, 2-0 e i Diavoli Rossi tornano mestamente negli spogliatoi.

Il curioso caso del portiere del Marocco che canta l'inno poi viene sostituito

Ha cantato l'inno insieme ai compagni, poi ha chiesto il cambio senza neppure cominciare la partita e tra i pali è andato il suo sostituto. È successo oggi prima di Belgio- Marocco, quando Younnes Bono, estremo difensore marocchino schierato fra i titolari, prima del fischio d'inizio, dopo essersi toccato una coscia, ha fatto presente allo staff tecnico di avere un problema e, in fretta e furia, è entrato al suo posto Munir El Kajoui che ha avuto appena il tempo di fare la foto del prematch insieme agli altri e poi è andato fra i pali, senza aver fato un adeguato riscaldamento. El Kajoui era il titolare del Marocco quattro anni fa in Russia, quest'anno il ruolo previsto per lui è quello del 'dodicesimò ma ora sta giocando la sua quarta partita in un Mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA