Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Passa il lodo Klopp, il Sudamerica
rinvia le qualificazioni mondiali

Passa il lodo Klopp, il Sudamerica rinvia le qualificazioni mondiali
di Giuseppe Mustica
3 Minuti di Lettura
Domenica 7 Marzo 2021, 07:40

 Con una decisione inaspettata e che sicuramente fa felici molti allenatori, la Conmebol – in sintonia con Gianni Infantino, presidente Fifa - ha deciso di sospendere il doppio turno di qualificazione ai Mondiali in Qatar del 2022 previsto per la fine di marzo. E chissà che la Uefa non possa prendere la stessa decisione per salvaguardare la salute dei calciatori e per evitare il pericolo di contagi Covid. Passa il lodo Klopp quindi, che in settimana aveva esplicitamente chiesto al Liverpool di bloccare quei calciatori che avrebbero dovuto, al rientro, mettersi in quarantena per 10 giorni (seguito poi da tutti i suoi colleghi inglesi, primis Guardiola). Ma andiamo con ordine: ieri, con un comunicato ufficiale, il consiglio Conmebol ha spiegato che per via «dell’impossibilità di avere tempestivamente tutti i giocatori sudamericani» ha preso la decisione di stoppare il tutto. Se ne riparlerà in futuro, probabilmente tra settembre e ottobre. Sarebbero state 10 le partite in programma dal 25 al 31 marzo. E sarebbero stati molti i calciatori “italiani” che avrebbero dovuto sobbarcarsi un viaggio transoceanico per rispondere alla convocazione.
GLI ESENTATI

Partendo dai bianconeri Cuadrado (che con la sua Colombia avrebbe dovuto affrontare Brasile e Paraguay) e Alex Sandro, (Bentancur, positivo, sarebbe comunque rimasto bloccato dal coronavirus) e passando ai biancocelesti Correa (Argentina che sa la sarebbe dovuta vedere con Uruguay e Brasile) e Caicedo (l’Ecuador avrebbe dovuto giocare contro Venezuela e Cile). Ma è moltissima la schiera di calciatori che non si muoveranno dai propri centri sportivi: Lautaro Martinez, Alexis Sanchez, Vidal, De Paul, Musso, Zapata, Muriel e Pulgar solamente per citarne alcuni. Loro continueranno a lavorare con il club d’appartenenza. Ma si esulta, evidentemente, anche in tutta Europa. «La Fifa - si legge nella nota emanata ieri dalla federazione sudamericana - analizzerà la riprogrammazione delle date in coordinamento con la Conmebol e con le federazioni associate. Presto verranno studiate le diverse opzioni per lo svolgimento delle partite». A mettere a repentaglio il normale svolgimento delle partite inoltre, erano arrivate le parole del Ministro della salute della Colombia, Fernando Ruiz Gomez: «Non saprei come giustificarlo vista la situazione attuale e le varianti, e non possiamo fare eccezioni: la pandemia non lo permette» aveva detto, anticipando che il Brasile non avrebbe avuto la possibilità di atterrare in vista della gara di Barranquilla. Ripercussioni comunque ce ne saranno sicuramente anche in Europa: sarebbero già partite le richieste alla Uefa di fare “copia e incolla” della presa di posizione della Conmebol. Troppo alto il rischio di contagi. Ceferin ci sta pensando per alleggerire i malumori che inevitabilmente si creeranno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA