ROMA

Roma, niente bis per Fonseca: ancora maxi turnover, ma non porta alla vittoria come in Svizzera

Giovedì 29 Ottobre 2020 di Ugo Trani
Fonseca (foto Gino Mancini)

Il 2° pareggio consecutivo della Roma è disarmante: pari casalingo (0-0) contro il Cska Sofia che, al 5° posto della Liga bulgara (dove non vince dal 30 agosto) e battuto al debutto in Europa League dal Cluj, ha appena esonerato l'allenatore Belchev, affidandosi a un triumirato in attesa di scegliere il nuovo tecnico. Il maxi turnover di coppa, tra l'altro, non produce lo stesso effetto della scorsa settimana, quando a Berna, con l'ingresso dei titolari in corsa, i giallorossi ribaltarono il risultato contro lo Young Boys. I cambi, arrivati forse in ritardo, non hanno inciso come in Svizzera.

PROVA IN ALTALENA
Il punto preso all'Olimpico contro il Cska Sofia, davanti a Ryan Friedkin (assente il papà Dan), non ha niente a che vedere con quello della tripla rimonta di lunedì a San Siro contro il Milan leader in serie A. Pau Lopez, ormai riserva di Mirante, esce dal campo come migliore in campo: decisivi almeno 2 interventi nella ripresa per tenere a galla i compagni che restano al 2° posto del gruppo A con 4 punti, gli stessi del Cluj che, avanti per la differenza reti, ha pareggiato in casa contro lo Young Boys. Tra le 8 novità di Fonseca, il ritorno di Smalling (ultima partita il 1° agosto contro la Juve allo Stadium). Ha comandato come al solito la difesa, aiutando la linea 3. e coprendo soprattutto a destra dove Peres e Fazio sbandano già all'inizio. Smalling fa subito gol, annullato però per fuorigioco di Mkhitaryan che effettua il cross per il centrale. Mkhitaryan prende la traversa su lancio di Villar: è la chance migliore. Pericoloso anche Sowe che però spreca entrambe le occasioni. 

INTERVENTO RITARDATO
Fonseca cambia ad inizio ripresa: Karsdorp per Spinazzola e Pedro per Mkhitaryan. Poi fa uscire Smalling, appena recuperato dalla distorsione al ginocchio, dentro Jesus. Dzeko, invece, entra tardi, al posto di Mayoral, di nuovo fuori dal coro. A seguire pure Pellegrini per Perez. Il Cska Sofia fisicamente sta meglio e ha 3 occasioni d'oro con Sankare, Antov e Sowe. Dzeko non trova la palla, su invito di Pedro, davanti alla porta. La Roma non concede, dunque, il bis dopo il successo in Svizzera. E, del resto, non ha mai vinto le prime 2 gare della fase a gironi. Nè in Champions nè in Europa League.

Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre, 00:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA