Rossi, a Vicenza l'addio a Pablito. In Serie A minuto di silenzio e lutto al braccio

camera ardente paolo rossi vicenza
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Dicembre 2020, 18:11 - Ultimo aggiornamento: 18:40

Paolo Rossi è tornato a Vicenza. Il feretro del campione azzurro scomparso mercoledì ha raggiunto lo stadio "Menti", dove alle 15 è stata allestita la camera ardente. Ad accoglierlo il sindaco Francesco Rucco, accompagnato da assessori e consiglieri comunali oltre alla dirigenza e alla squadra del LR Vicenza. 

La bara è stata posta sotto la tribuna centrale, poco fuori l'uscita dagli spogliatoi. Centinaia di tifosi si sono messi in fila e poi si sono avvicinati per dare l'ultimo saluto a Pablito, nel rispetto delle norme anticontagio. Domani alle 10.30 il funerale al Duomo di Vicenza

La Lega e tutti i club di Serie A lo ricorderanno con una serie di iniziative nella prossima giornata di campionato: prima del fischio d'inizio verrà osservato un minuto di silenzio e tutti i calciatori porteranno il lutto al braccio. Al centro del campo e sui maxischermi verranno proiettate le sue immagini con un audio di sottofondo che ricorderà i suoi gol nel Mondiale del 1982 in Spagna.

Intanto in rete e sui social l'idea di intitolargli il titolo di capocannoniere della Serie A (così come il Pichichi in Liga) è stata accolta con entusiasmo dal presidente del Coni Giovanni Malagò: «È un diritto che devono esercitare la Figc e la Lega Serie A, ma mi sembra che sia una proposta straordinaria. Abbiamo il dovere di ricordarlo, è stato lui a farci salire sul tetto del mondo e a renderci orgogliosi e uniti» .

© RIPRODUZIONE RISERVATA