Pallone d'oro, giallo sul voto: il giornalista delle Comore non esiste

Sabato 8 Dicembre 2018
Un'ombra aleggia sul Pallone d'oro di Luka Modric. Supervotato nella classifica finale di France Football stilata da 173 giornalisti (il croato ha stravinto con 753 punti, davanti a Cristiano Ronaldo con 476), adesso a cinque giorni dal trionfo emerge un particolare non di piccolo conto che getta una piccola macchia sulla votazione. Tra gli avanti diritto al voto, infatti, ci sarebbe stato anche il giornalista delle Isole Comore Abdou Boina che in realtà, hanno fatto sapere oggi l'Unione delle Comore e in particolare il fotografo Toimimou Abdou, non esisterebbe affatto, nè tanto meno la testata, la albaladcomores.com, un giornale che ha chiuso i battenti sei anni fa. «Mi sorprende vedere che il quotidiano 'Albalad Comorè esista ancora, che io sappia ha chiuso», ha detto il fotografo confortato anche dalle parole del presidente dell'unione stampa sportiva delle Comore: «Non c'è alcun Adboud Boina iscritto nella nostra associazione». A rendere ancora più 'pepatò il dopo-voto del Pallone d'Oro c'è anche il tweet del giornalista di Trinidad e Tobago, Lasana Liburd, che ha fatto sapere che la sua personale lista di voti è stata conteggiata in modo errato: «Ho votato in ordine Messi, Modric, Ronaldo, Salah e Griezmann», ha detto Liburd che si è invece visto attribuita una classifica con, nell'ordine: Griezmann, Salah, Ronaldo, Modric, Messi. Il Pallone d'Oro di France Football vede i giornalisti come unici protagonisti della votazione (per l'Italia c'è Paolo Condò, giornalista di Sky Sport) che devono stabilire il proprio podio personale: 5 punti al primo, 3 al secondo, 1 al terzo.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti